Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Luglio / 08/07/2021 - Codice dei contratti: il caotico disastro degli appalti semplificati

08/07/2021 - Codice dei contratti: il caotico disastro degli appalti semplificati

tratto da lavoripubblici.it - a cura di Luigi Oliveri

Gli effetti del Decreto Semplificazioni alle procedure previste dal Codice dei contratti: doppia strada procedure ordinarie-deroga?

L'articolo di Roberto Donati "L’esclusione automatica trova applicazione anche se la legge di gara non lo prevede espressamente" dà conto della rilevante sentenza del Tar Sicilia, Palermo, Sez. III, 11/ 06/ 2021, n. 1892, che annulla una gara caratterizzata da atecnicità, confusione, commistione di regole e causa di un contenzioso che si sarebbe dovuto e potuto evitare, ma che la legislazione emergenziale invece non fa che favorire.

Com’era facile prevedere, le norme di questi ultimi mesi e in particolare il D.L. n. 76/2020 (Decreto Semplificazioni), convertito in legge n. 120/2020, stanno contribuendo a creare confusione estrema. Anche perché si è sempre più espansa l’idea che le procedure debbano essere gestite managerialmente e non da legulei, per non renderle troppo burocratizzate: e così, complicatissime regole che si richiamano, derogano, applicano a scacchiera secondo modalità interpretative complicatissime sul piano giuridico, sono lasciate alla cura di Rup, che sono tecnici e non giuristi.

Il combinato disposto tra norme confusionarie e confuse e la loro applicazione da parte di professionalità non in grado di governare appieno tali regole, produce esiti semplicemente paradossali come quello di cui si interessa la sentenza del Tar Sicilia: un avviso di gara che parla di affidamento diretto, ma regola la procedura come una procedura negoziata, alla quale applica sia le regole dell’articolo 36 del D.Lgs n. 50/2016 (Codice dei contratti), sia quelle in deroga del D.L. n. 76/2020, però non attivando l’esclusione automatica delle offerte anomale, da questo imposte dall’articolo 1, comma 3.

Un guazzabuglio, un vero e proprio disastro caotico, attivato nel nome della “semplificazione”, della gestione per obiettivi senza l’apporto burocratico dei reprobi “giuristi”, del “fare presto”.

Risultato? Una procedura sconclusionata, inevitabilmente annullata dal Tar: altro che semplificazione, altro che fare presto.

E ancora nessuno che dia la lettura più semplice: il D.L. n. 76/2020 è una norma che deroga ma non abroga il codice degli appalti. Il quale può continuare ad essere applicato. Il D.L. n. 76/2020 semplicemente consente di adottare modalità operative presuntivamente (ma, nei fatti non è per nulla così) semplificate rispetto a quelle codicistiche. Però, scelta una delle due strade, cioè continuare ad applicare il codice oppure la deroga, si possono e devono seguire solo ed esclusivamente le norme di ciascuna di esse, senza commistioni.

archiviato sotto:
« novembre 2021 »
novembre
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman