Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Marzo / 15/03/2021 - Abusi edilizi e ordine di demolizione: il TAR sul difetto di istruttoria

15/03/2021 - Abusi edilizi e ordine di demolizione: il TAR sul difetto di istruttoria

tratto da LavoriPubblici.it - a cura della Redazione

TAR Lazio e difetto di istruttoria: l'ordine di demolizione va emesso dall'amministrazione solo dopo aver valutato l'eventuale richiesta di sanatoria. Interessante sentenza del Tar Lazio (la n. 2676/2021) che permette di chiarire alcuni aspetti legati alla SCIA, la Segnalazione Certificata di Inizio Attività.

Il proprietario di un immobile su cui pendeva una ordinanza di demolizione di alcune opere ritenute abusive si rivolge al TAR. Alcune di queste opere, come la tettoia, sono state rimosse e ricostruite in conformità e, inoltre, è stata presentata, prima dell'ordinanza di demolizione, una SCIA "mista", ossia anche in sanatoria per alcune delle opere realizzate. L'amministrazione comunale non ha mai dato riscontrato.

Nel caso specifico il proprietario, che aveva ricevuto l'ordinanza di demolizione della tettoia, ha fatto sapere ai giudici di aver eliminato la tettoia contestata e di aver realizzato un pergolato che corrisponde a quanto dichiarato nella SCIA presentata. Per i giudici il problema non sussiste più. Per tutto il resto i giudici accolgono il ricorso del proprietario e annullano l'ordinanza di demolizione inviata dal Comune. Sul 'Difetto di istruttoria' si concentrano i giudici del Tar. Viene inoltre contestata all'amministrazione comunale anche l'assenza di motivazione in rapporto agli effetti della SCIA presentata dal proprietario dell'immobile. Che è stata inoltrata dopo i sopralluoghi da parte dei tecnici incaricati dal Comune per legittimare e sanare le opere oggetto del ricorso. Dopo la SCIA, l'amministrazione è sparita. Dicono i giudici: "La SCIA avrebbe potuto costituire, almeno in astratto, titolo idoneo a legittimare i lavori in corso di esecuzione poiché l'apposizione di un cancello con funzione di apertura e chiusura del varco di accesso ad una proprietà privata non comporta, di norma, una trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio; tale intervento non è subordinato al preventivo rilascio del permesso di costruire, bensì alla presentazione di una semplice Dia (denuncia di inizio attività), sicché la sua realizzazione in assenza della prescritta dichiarazione non è sanzionabile con l'adozione dell'ordine di demolizione".

Ciò viene normato dal DPR n. 380/2001 (c.d. Testo Unico Edilizia). In ogni caso, l'amministrazione comunale avrebbe dovuto tener conto, prima di emettere l'ordinanza di demolizione, della SCIA, motivando, con assoluta chiarezza, l'eventuale insufficienza di tale atto a fondare legittimità alle opere realizzate dal proprietario dell'immobile. Per questo il ricorso è stato in parte dichiarato improcedibile e in parte accolto.

« dicembre 2021 »
dicembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman