Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Aprile / 16/04/2021 - Il rilancio della pubblica amministrazione tra velleità e pragmatismo

16/04/2021 - Il rilancio della pubblica amministrazione tra velleità e pragmatismo

Dal sito irpa.eu

L’IRPA – Istituto di Ricerche sulla Pubblica Amministrazione, con una serie di contributi “work in progress”, affronta il tema centrale del rilancio della pubblica amministrazione da diversi punti di vista. L’obiettivo di questo progetto è quello di avviare una riflessione non solo tra gli addetti ai lavori, ma anche e soprattutto tra gli utenti, per individuare possibili soluzioni ad una esigenza – il rilancio della pubblica amministrazione italiana – decisamente non più rinviabile nell’attuale contesto socio – economico in cui versa il Paese.

1) Come può la pubblica amministrazione reclutare le migliori competenze? Le buone pratiche

2) La pubblica amministrazione sa programmare? Il caso del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e del Recovery Fund

3) Il «culto del diritto amministrativo frena la ricostruzione della PA»? Vincoli vs opportunità

4) La pubblica amministrazione dinanzi ai nuovi interventi di sostegno all’economia: gestione diretta vs esternalizzazione

5) Lo stato dell’amministrazione: dati di partenza e chiavi interpretative

6) Chi sono i principali responsabili dell’efficienza nella pubblica amministrazione: “politica vs burocrazia”

7) La pubblica amministrazione dispone di effettive leve di gestione del personale? Incentivi vs disincentivi

8) La pubblica amministrazione ha paura di agire? Efficienza vs responsabilità.

« maggio 2021 »
maggio
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman