Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Maggio / 19/05/2021 - Falso rendiconto del Comune: condanna per il Sindaco a 3 anni + 40.000 euro di danno all’immagine.

19/05/2021 - Falso rendiconto del Comune: condanna per il Sindaco a 3 anni + 40.000 euro di danno all’immagine.

tratto da iusmanagement.org - autore Dario Di Maria

Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per il Piemonte, sentenza n 165 del 13 maggio 2021

Il Sindaco del Comune di x e il responsabile del Servizio Economico Finanziario, sono stati coinvolti in un procedimento penale presso il Tribunale della città in parola per i delitti di falso ideologico in atto pubblico, anche per induzione in errore dei Consiglieri comunali. I predetti reati erano consistiti nell’avere formato falsamente il prospetto inerente alle condizioni finanziarie dell’Ente locale per il rispetto del Patto di stabilità, e per avere indotto in tal modo i Consiglieri comunali ad approvare un rendiconto della gestione economico-finanziaria del suddetto Comune per l’anno 2010 falso.

La condanna veniva confermata dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 14617/2018.

L’Ufficio Requirente adottava consequenzialmente atto di citazione in giudizio con cui veniva contestato ai citati convenuti, in solido tra loro, un pregiudizio all’immagine pari all’importo di Euro 200.000,00

I convenuti hanno formulato istanza di definizione del giudizio con il rito abbreviato di cui all’articolo 130 C.G.C., mediante pagamento di una somma pari ad Euro 40.000,00

Nella Camera di consiglio le parti hanno confermato l’avvenuto pagamento satisfattivo nel termine di legge del predetto importo a favore del Comune per la somma complessiva di Euro 40.000,00,

 

« giugno 2022 »
giugno
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman