Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Maggio / 17/05/2021 - Se manca la copertura di spesa, il contratto è stipulato con il funzionario, non con l’ente pubblico

17/05/2021 - Se manca la copertura di spesa, il contratto è stipulato con il funzionario, non con l’ente pubblico

tratto da iusmanagement.org - autore Dario Di Maria

Corte dei Conti, sezione regionale di controllo per la Regione Campania, deliberazione n 111/2021/PAR

ll Sindaco di un Comune formulava una richiesta di parere in merito alla procedura di riconoscimento dei debiti fuori bilancio, con particolare riferimento ai debiti di cui all’art. 194, comma 1, lett e), in merito alla possibilità di procedere al riconoscimento di un debito, assunto in assenza di preventivo impegno di spesa, laddove lo stesso derivi da un contratto nullo, in quanto sottoscritto in violazione del requisito della forma scritta, imposta “ad substantiam” nel caso dei contratti stipulati con la pubblica amministrazione.
La Corte ha ricordato che in linea generale l’art. 194, comma 1, lett. E), è una disposizione peculiare, in ragione della quale si imputano ex lege alla sfera giuridica diretta e personale dell’amministratore o funzionario gli effetti dell’attività contrattuale dallo stesso condotta in violazione delle regole contabili, al fine di scoraggiare erogazioni di pubblico denaro contra legem. Il contratto, seppure formalmente stipulato tra l’amministrazione pubblica, in persona di un proprio funzionario e/o amministratore, ed un contraente privato, laddove rilevi la violazione delle regole contabili in tema di assunzione degli impegni spesa, viene convertito ex lege in un rapporto intercorrente con il predetto funzionario e/o amministratore. Si tratta, in pratica, di una interruzione ope legis del rapporto di immedesimazione organica tra l’amministrazione e l’ente pubblico che preclude il perfezionamento del rapporto obbligatorio nei confronti di quest’ultimo. Come precisato dalla Corte costituzionale, non si tratta di una sanzione a carico dell’amministratore e/o funzionario che abbia consentito la fornitura e nemmeno, propriamente, di una novazione soggettiva nella titolarità del rapporto obbligatorio; si tratta, bensì, della individuazione normativa “di condizioni formali (registrazione dell’impegno contabile e attestazione della copertura finanziaria o, nel caso di lavori di somma urgenza, regolarizzazione contabile entro il termine di trenta giorni) alle quali è subordinata l’efficacia del contratto nei riguardi della pubblica amministrazione, in coerenza con il principio tradizionale secondo cui il contratto stipulato diviene obbligatorio nei confronti della pubblica amministrazione contraente solo a seguito della prescritta approvazione (…)” (Corte Cost. n. 26 del 2001, conf. Cass. n. 15415 del 2018).

archiviato sotto: ,
« dicembre 2021 »
dicembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman