Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Maggio / 11/05/2021 - Medico finge infortunio sul lavoro: quasi sei anni di reclusione e 150.000 euro di danno erariale

11/05/2021 - Medico finge infortunio sul lavoro: quasi sei anni di reclusione e 150.000 euro di danno erariale

tratto da iusmanagement.org - autore Dario Di Maria

Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per il Piemonte, sentenza n. 159 del 6 maggio 2021

A fondamento della richiesta risarcitoria vi è una fattispecie di truffa perpetrata ai danni delle Amministrazioni pubbliche e, in estrema sintesi, sostanziatasi nella simulazione dell’’esistenza di gravi patologie derivanti da un presunto infortunio sul lavoro, con l’’indebito profitto consistente nel riconoscimento dell’’indennità di mancato preavviso dal proprio datore di lavoro, della pensione di inabilità Inps, dell’indennizzo Inail per infortunio nonché dell’’indennizzo assicurativo dalla Compagnia Reale Mutua.
In relazione a tali episodi, con sentenza n. 27/2016 del 13 gennaio 2016 del Tribunale di Torino veniva condannato per i reati di falso ideologico e di truffa aggravata, consumati e tentati, alla pena di anni cinque, mesi nove e giorni dieci di reclusione.
Infatti, è risultato che il convenuto X “ha volutamente provocato l’incidente sul lavoro per poi simulare le gravi patologie agli arti (superiore destro ed Inferiore destro) e all’occhio destro al fine di richiedere laute indennità ad enti pubblici e alla propria assicurazione” (cfr. sentenza di condanna di primo grado).

Alla luce di quanto esposto, il medico va pure condannato al pagamento dei seguenti importi:
€ 41.144,09 in favore dell’’Inail
€ 25.551,25 in favore dell’’Inps
€ 83.253,55 in favore dell’’Azienda Ospedaliera.

archiviato sotto: ,
« giugno 2021 »
giugno
lumamegivesado
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman