Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Maggio / 05/05/2021 - Il clamor fori, più che un presupposto, costituisce un parametro di valutazione del danno all’immagine per i casi di assenteismo

05/05/2021 - Il clamor fori, più che un presupposto, costituisce un parametro di valutazione del danno all’immagine per i casi di assenteismo

tratto da iusmanagement.org - autore Dario Di Maria

Corte dei Conti, sezione di appello per la Sicilia, sentenza n. 68 del 16 aprile 2021

Considerato che i comportamenti di assenteismo fraudolento dal posto di lavoro tenuti dall’ appellata sono stati oggettivamente gravi, reiterati nel tempo (le assenze dal servizio accertate, di varia durata, abbracciano un periodo che va dal 12 luglio 2015 al febbraio 2016) e tali da ledere l’immagine dell’Amministrazione d’appartenenza, e considerato, altresì, che la fattispecie in esame costituisce una ipotesi specifica e tipizzata di danno all’immagine, per la quale il clamor fori, più che un presupposto oggettivo, costituisce un parametro di valutazione e che, comunque, la diffusione nell’ambiente sociale della notizia delle condotte illecite della città ha avuto una portata relativamente limitata, il Collegio Giudicante reputa che l’onere da porsi a carico della medesima per il risarcimento del danno inferto all’immagine dell’Amministrazione di appartenenza possa essere congruamente determinato, in via equitativa e proporzionata a tutte le circostanze del caso concreto, in € 1.500,00 (comprensivi di rivalutazione monetaria), da maggiorarsi degli interessi legali, calcolati con decorrenza dalla data di pubblicazione della presente sentenza e sino al soddisfo.

archiviato sotto: ,
« ottobre 2021 »
ottobre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman