Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Luglio / 05/07/2021 - In materia di protezione internazionale, la mancata certificazione della data della procura determina inammissibilità del ricorso.

05/07/2021 - In materia di protezione internazionale, la mancata certificazione della data della procura determina inammissibilità del ricorso.

tratto da iusmanagement.org - autore Dario Di Maria

Corte di Cassazione, SS.UU., sentenza n. 18487 del 30 giugno 2021

Sulla questione di massima demandata a queste Sezioni Unite vanno fissati i seguenti principi di diritto:

L’art. 35 bis, c.13 d.lgs. n. 25/2008 (Delle controversie in materia di riconoscimento della protezione internazionale), nella parte in cui prevede che “La procura alle liti per la proposizione del ricorso per cassazione deve essere conferita, a pena di inammissibilità del ricorso, in data successiva alla comunicazione del decreto impugnato; a tal fine il difensore certifica la data di rilascio in suo favore della procura medesima” ha richiesto, quale elemento di specialità rispetto alle ordinarie ipotesi di rilascio della procura speciale regolate dagli artt. 83 e 365 c.p.c., il requisito della posteriorità della data rispetto alla comunicazione del provvedimento impugnato, prevedendo una speciale ipotesi di “inammissibilità del ricorso”, nel caso di mancata certificazione della data di rilascio della procura in suo favore da parte del difensore. La procura speciale per il ricorso per cassazione per le materie regolate dall’art. 35 bis, c. 13 d.lgs. n. 25/2008 e dalle disposizioni di legge successive che ad esse rimandano deve contenere in modo esplicito l’indicazione della data successiva alla comunicazione del provvedimento impugnato e richiede che il difensore certifichi, anche solo con una unica sottoscrizione, sia la data della procura successiva alla comunicazione che l’autenticità della firma del conferente.

In altri termini, il legislatore del 2017 ha inteso considerare il peso rappresentato dal contenzioso in materia migratoria che si sarebbe prevedibilmente abbattuto sulla Corte di cassazione per effetto della eliminazione del secondo grado di giudizio di merito e nell’opera di congruo e proporzionato bilanciamento degli interessi contrapposti il comma 13 dell’art. 35 bis, d.lgs. n.25/2008, non ha fatto altro che adottare un meccanismo rivolto per l’un verso a scongiurare ipotesi di utilizzo in bianco della procura in epoca anteriore all’attualità dell’interesse a ricorrere e, per altro verso a salvaguardare interessi di rilevanza nazionale, essendo palese l’esigenza di garantire l’efficienza complessiva del sistema di tutela giurisdizionale innanzi all’organo della giurisdizione ordinaria di ultima istanza.

archiviato sotto:
« novembre 2021 »
novembre
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman