Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2021 / Dicembre / 16/12/2021 -Incompatibilità del consigliere ex articolo 63, comma 1, n. 2) d. lgs. n. 267/2000

16/12/2021 -Incompatibilità del consigliere ex articolo 63, comma 1, n. 2) d. lgs. n. 267/2000

Tratto da: Ministero Interno Territorio e autonomie locali

Categoria 

12 Cause ostative all'assunzione e all'espletamento del mandato elettivo

 

Sintesi/Massima 

Sussiste la causa di incompatibilità prevista dall’art. 63, comma 1, n. 2), nel caso di un consigliere comunale neo eletto, ex dipendente dell’ente in quiescenza, il quale risulta assegnatario dell’alloggio riservato al custode di un centro sportivo comunale quale contropartita contrattuale a prestazioni lavorative in favore del comune stesso. Nel caso rappresentato appare evidente l’interesse personale dell’amministratore all’esercizio del predetto servizio con il conseguente, potenziale conflitto con l’interesse pubblico; dunque, si può configurare nella fattispecie l’ipotesi di incompatibilità prevista nel predetto art. 63 TUOEL.

Testo 

Viene richiesto l’avviso di questo Ministero in ordine alla eventuale sussistenza di una causa di incompatibilità, ai sensi dell’art. 63, comma 1, n. 2), del d. lgs. 18 agosto 2000, n. 267, nei confronti di un neo eletto consigliere comunale, ex dipendente dell’ente in quiescenza, il quale risulta assegnatario dell’alloggio riservato al custode di un centro sportivo comunale quale contropartita contrattuale a prestazioni lavorative in favore del comune. Infatti, tra il predetto amministratore e l’ente locale è stato sottoscritto un regolare contratto individuale, rinnovabile, approvato con deliberazione di giunta, per lo svolgimento delle attività di custodia e manutenzione del centro sportivo comunale. 
Al riguardo, come specificato nella nota n. 26851 del 25 novembre 2021, viene in rilievo la norma di cui all’art. 63, comma 1, n. 2, del decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000, la quale statuisce che il titolare, l’amministratore, il dipendente con poteri di rappresentanza o di coordinamento che abbia parte, direttamente o indirettamente, in servizi, esazioni di diritti, somministrazioni o appalti, nell’interesse del comune non possa ricoprire cariche elettive nello stesso ente locale.
La ratio della causa di incompatibilità in esame (annoverabile tra le cosiddette incompatibilità di interessi) consiste nell’impedire che possano concorrere all’esercizio delle funzioni di consigliere comunale i soggetti portatori di interessi confliggenti con quelli del comune o i quali si trovino in condizioni che ne possano compromettere l’imparzialità (cfr. Corte Costituzionale, sentenza n. 44 del 1977, n. 450 del 2000, n. 220 del 2003).


Anche la giurisprudenza della Corte di Cassazione precisa che la previsione normativa è finalizzata a scongiurare il rischio di pericoli di deviazioni nell’esercizio del mandato da parte dei consiglieri comunali e il conflitto, anche solo potenziale, che il soggetto interessato sarebbe chiamato a dirimere se dovesse scegliere tra l’interesse personale, in quanto gestore del servizio, e l’interesse pubblico da perseguire in quanto consigliere dell’ente locale che di quel servizio fruisce.

  
Si ricorda, tuttavia, che la giurisprudenza della Corte Costituzionale è ferma nel ritenere che il diritto di elettorato passivo, quale diritto politico fondamentale, intangibile nel suo contenuto di valore ed annoverabile tra i diritti inviolabili riconosciuti dall’art. 2 della Costituzione, può essere disciplinato da leggi generali che possono limitarlo solo al fine di realizzare altri interessi costituzionali parimenti generali e fondamentali. Per tale motivo, sussiste il divieto di interpretazione per analogia delle norme in materia di ineleggibilità e di incompatibilità.


Nel caso in parola emerge che il consigliere neoeletto è di fatto titolare dell’affidamento del servizio di custodia e manutenzione di una infrastruttura sportiva, avendone come contropartita la fruizione di un alloggio comunale. Ciò è stato ritenuto ammissibile sulla base di una specifica regolamentazione datasi dall’ente locale sui servizi inerenti la gestione degli immobili comunali.

« maggio 2022 »
maggio
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman