Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Giugno / 26/06/2020 - La rettifica della graduatoria di un concorso in caso di errore materiale è per la Pa un atto «doveroso»

26/06/2020 - La rettifica della graduatoria di un concorso in caso di errore materiale è per la Pa un atto «doveroso»

segnaliamo da quotidianoentilocali.ilsole24ore.com
La rettifica della graduatoria di un concorso in caso di errore materiale è per la Pa un atto «doveroso»
di Maria Luisa Beccaria
Il Consiglio di Stato, con la decisione n. 3537/2020, ha chiarito che per la rettifica della graduatoria di un concorso pubblico occorre un provvedimento di secondo grado, di autotutela che interviene su di un precedente provvedimento della pubblica amministrazione.
Nella fattispecie all'esame dei giudici, la Pa aveva errato nella traduzione in punti dei criteri di valutazione dei titoli fissati dal bando e aveva alterato l'ordine della graduatoria fondata sui conteggi.
All'interno di un unico procedimento, a breve distanza di tempo dall'approvazione della prima graduatoria era stata adottata una rettifica, per la cui motivazione era sufficiente menzionare l'errore di fatto. Invero quest'ultimo è stato menzionato nel provvedimento impugnato che ha modificato le posizioni di alcuni candidati ai quali era stato assegnato, per mero errore materiale, un punteggio inferiore.
Essendo una rettifica doverosa non occorreva una motivazione aggiuntiva sulla sussistenza di esigenze di interesse pubblico diverse e ulteriori rispetto a quella del ripristino della legalità. Risultavano inoltre irrilevanti eventuali vizi formali o procedimentali, compreso l'omesso inoltro della comunicazione di avvio del procedimento.
archiviato sotto:
« maggio 2022 »
maggio
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman