Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 13/09/2018 - Danno erariale ridotto al segretario che sbaglia per «troppo lavoro»

13/09/2018 - Danno erariale ridotto al segretario che sbaglia per «troppo lavoro»

segnaliamo articolo da quotidianoentilocali.ilsole24ore.com

Danno erariale ridotto al segretario che sbaglia per «troppo lavoro»

di Vincenzo Giannotti

QUI la sentenza della Corte dei conti Abruzzo n. 109/2018

 

"L'ingiustificato aumento delle fatture di lavori di somma urgenza liquidati, senza la necessaria procedura prevista per i debiti fuori bilancio, rappresenta danno erariale da addebitare al responsabile del servizio. La Corte dei conti, sezione giurisdizionale per la Regionale Abruzzo, con la sentenza n. 109/2018 ha, tuttavia, mostrato clemenza nei confronti del segretario comunale in quanto oberato da troppi incarichi.
Un segretario comunale a scavalco di un Comune, cui erano state affidate anche le funzioni di responsabile dei lavori pubblici, è stato rinviato a giudizio contabile per aver liquidato fatture, a seguito di lavori affidati in somma urgenza per il rifacimento della rete idrica, senza procedere al riconoscimento del debito fuori bilancio, in assenza di impegni nell'anno di riferimento e per importi superiori a quelli affidati."

archiviato sotto:
« novembre 2018 »
novembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman