Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2022 / Marzo / 17/03/2022 - Ddl Concorrenza, Busia: municipalizzate, serve più libero mercato e meno in-house

17/03/2022 - Ddl Concorrenza, Busia: municipalizzate, serve più libero mercato e meno in-house

Tratto da: ANAC

Le osservazioni dell'Anac

Come Autorità della concorrenza nei contratti pubblici, settore che prima dell’emergenza sanitaria pesava per il 14% del pil e che oggi si è esteso, Anac interviene sul ddl concorrenza, ora in discussione al Senato.  “Per favorire maggiore concorrenza anche nei servizi pubblici che vengono gestiti dalle municipalizzate - dichiara il presidente Giuseppe Busia - occorre indicare con chiarezza nel ddl Concorrenza che, prima di ricorrere ad assegnazioni di appalti e concessioni in-house, le stazioni appaltanti devono fornire e rendere pubbliche con precise motivazioni di convenienza economica e sociale le ragioni che portano a scegliere l’in-house, invece della gara”. 

La richiesta – aggiunge il presidente di Anac - è motivata dai dati sul ricorso agli affidamenti a società controllate dalle amministrazioni. Il ricorso all’in-house porta gli enti locali ad assegnare in affidamento diretto fino al 93% degli affidamenti, lasciando alle gare per i servizi una quota irrisoria pari a soltanto il 5% del totale.

Trenta giorni per motivare il ricorso all'in-house

“ Il Codice dei contratti pubblici già prevede per le amministrazioni locali la necessità di spiegare le ragioni del ricorso a società controllate. Chiediamo di motivare in modo chiaro e in anticipo perché, per svolgere una determinata attività, si sceglie di non ricorrere al mercato, ma di guardare al proprio interno”. Per l’Autorità, che già gestisce l’elenco delle società in-house, tale motivazione deve dare conto anche della convenienza economica di non fare la gara e di non ricorrere al libero mercato.

“Come Anac chiediamo al Parlamento di inserire un termine di trenta giorni, durante i quali sarà possibile valutare l’adeguatezza delle ragioni delle amministrazioni ed eventualmente impugnare il ricorso all’in-house. In ogni caso, anche tali affidamenti dovrebbero confluire nella banca dati nazionale dei contratti pubblici dell’Anac. Questo per permettere un confronto sulla convenienza, guardando come sono realizzati i servizi sul mercato, e a quale prezzo. In tal modo aumenterà la trasparenza e così, alla fine, si incentiveranno le scelte dirette a offrire servizi migliori ai cittadini”. 

La norma già messa a punto dal governo e ora all’esame del Senato, per Busia deve essere rafforzata e messa a sistema. “Si tratta di risorse importanti e servizi essenziali, dall’elettricità al gas, passando per il trasporto pubblico locale e i rifiuti: una parte fondamentale dell’economia nazionale e locale. Bisogna far sì che gli affidamenti siano fatti in modo conveniente, in caso contrario si rischiano danni e perdite”.

Le concessioni

Per quanto riguarda le concessioni, Busia aggiunge: “Noi ci occupiamo delle concessioni quando rientrano nell’ambito dei contratti pubblici. Se un concessionario realizza un’opera che diventa demanio, allora secondo noi va applicato il codice. In generale occorre aumentare l’applicazione del codice dei contratti pubblici, quale norma generale di concorrenza. Occorre inoltre garantire maggiore trasparenza. Le amministrazioni pubbliche devono dire quali beni hanno, con quali criteri sono distribuiti e far capire alla vigilanza e ai cittadini come il patrimonio pubblico è utilizzato”.

Concorrenza sui prezzi dei farmaci

La concorrenza, per Busia, va incentivata anche sui prezzi dei farmaci. “Già verifichiamo i prezzi di riferimento di beni e servizi, evitando alle amministrazioni di dover fare ricerche di mercato. Questo viene fatto da Anac anche riguardo ad alcuni principi attivi, posti alla base dei farmaci. Chiediamo che venga applicato il criterio del prezzo di riferimento elaborato da Anac su i vari prezzi dei farmaci, garantendo così importanti risparmi alle aziende sanitarie, come abbiamo fatto per i dispositivi per il diabete”.

Estendere le incompatibilità

Infine Anac chiede di estendere a tutti i responsabili delle strutture sanitarie l’ambito delle incompatibilità ora in vigore solo per i direttori generali, i direttori amministrativi, i direttori sanitari, inserendo tale dispositivo nel ddl Concorrenza. “La misura – conclude Busia - eviterebbe conflitti di interessi e legami tra nominato e nominato, come nei casi di chi ha ricoperto incarichi politici o li ricopre contestualmente. Il merito deve essere l’unico elemento che spinge ad individuare queste figure, in ambito sanitario e in tutta la pubblica amministrazione. Perciò bene la rapidità nei concorsi, ma senza rinunciare alla qualità”.

 

« agosto 2022 »
agosto
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman