Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2022 / Marzo / 01/03/2022 - Una piccola analisi delle società partecipate dalla PA: società estere e compensi elevati

01/03/2022 - Una piccola analisi delle società partecipate dalla PA: società estere e compensi elevati

tratto da iusmanagement.org - autore Dario Di Maria

Si analizzano alcuni dati riguardanti le partecipazioni delle pubbliche amministrazioni in società di diritto privato, non senza ricordare preliminarmente alcuni limiti importanti alle suddette partecipazioni

Il D.lgs. 175/2016 all’art 3 (Tipi di societa’ in cui e’ ammessa la partecipazione pubblica ) ha stabilito che

“Le amministrazioni pubbliche possono partecipare  esclusivamente a societa’, anche consortili, costituite in  forma  di  societa’  per azioni o di societa’  a  responsabilita’  limitata,  anche  in  forma cooperativa“

Quindi, per fare un esempio, non si possono detenere partecipazioni in società di persone (società semplice, società in nome collettivo, o in accomandita semplice, anche se le persone giuridiche private possono detenere da qualche tempo tali partecipazioni).

Un altro importante limite è costituito dall’oggetto sociale. Infatti secondo l’art. 4 del decreto citato

 “Le  amministrazioni  pubbliche  non  possono,  direttamente   o indirettamente, costituire societa’ aventi per oggetto  attivita’  di produzione di beni e  servizi  non  strettamente  necessarie  per  il perseguimento delle proprie finalita’ istituzionali, ne’ acquisire  o mantenere partecipazioni, anche di minoranza, in tali societa”

Quindi, per fare un esempio, un Comune non può detenere partecipazioni di una pizzeria, nemmeno se la pizzeria è in forte guadagno.

Infine l’art. 11, co. 6 del D.lgs. n. 175/2016 recepisce il progetto della ripartizione delle società in cinque fasce, fissando comunque il limite massimo dei compensi a 240.000 euro e il principio di onnicomprensività della retribuzione.

Fatta questa premessa, analizziamo gli open data sulle partecipazioni (https://www.dt.mef.gov.it/it/attivita_istituzionali/partecipazioni_pubbliche/censimento_partecipazioni_pubbliche/open_data_partecipazioni/), dove sono contenuti i dati, in formato elaborabile, comunicati annualmente dalle amministrazioni pubbliche al Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze, sulle partecipazioni (dall’anno 2011) e sui rappresentanti in organi di governo di società o enti (dall’anno 2014). Purtroppo gli ultimi dati disponibili sono relativi alle partecipazioni del 2018, ma sufficientemente recenti per valutare l’applicazione delle disposizioni del Testo Unico di cui sopra (D.lgs. 175/2016).

Dal dataset relativo all’anno 2018 (il più recente), verifichiamo quali sono le forme di società a cui partecipano le PP.AA. d’Italia:

Partecipata Forma Giuridica Numero di partecipazioni
Altra forma giuridica NON SOCIETARIA 332
Associazione 922
Azienda speciale 713
Consorzio 5382
Ente pubblico 2326
Fondazione 1696
Istituzione 58
Societa a responsabilità limitata 12878
Società consortile a responsabilità limitata 8247
Società consortile per azioni 1687
Società cooperativa 2356
Società estera 113
Società per azioni 18838
Società semplice 3
Totale Risultato 55551

Abbiamo un totale di 55.551 partecipazioni (non società partecipate, perchè se una società è partecipata da 15 enti, vale come 15 partecipazioni).

Subito saltano all’occhio due dati: le 3 partecipazioni in società di persone (che come abbiamo visto è vietato) e le 113 partecipazioni in società estere. Ho pensato subito che si trattasse di partecipazioni di amministrazioni e enti che possono avere attività internazionali (p.es. il Ministero dello Sviluppo Economico).

Facendo un’ulteriore analisi di tali partecipazioni, scopro gli enti partecipanti:

Amministrazione Denominazione Numero di partecipazioni in società estere
AGENZIA LUCANA DI SVILUPPO ED INNOVAZIONE IN AGRICOLTURA 1
AGENZIA SPAZIALE ITALIANA-ASI 1
ANAS – SOCIETA’ PER AZIONI 3
AUTOMOBILE CLUB D’ITALIA 1
CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA E ASSISTENZA GEOMETRI 2
COMUNE DI AOSTA (AO) 13
COMUNE DI BOLOGNA (BO) 2
COMUNE DI CARMAGNOLA (TO) 13
COMUNE DI MILANO (MI) 2
COMUNE DI ROMA CAPITALE (RM) 4
COMUNE DI SAN VITO DI LEGUZZANO (VI) 13
COMUNE DI SCANDICCI (FI) 13
COMUNE DI SELVAZZANO DENTRO (PD) 13
COMUNE DI UDINE (UD) 1
COMUNE DI VERONA (VR) 2
ELETTRA – SINCROTRONE TRIESTE SOCIETA’ CONSORTILE PER AZIONI 1
ENTE REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DI CAGLIARI 1
ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI 1
ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE – INFN 2
MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE 1
RAI – RADIOTELEVISIONE ITALIANA SPA 3
REGIONE EMILIA-ROMAGNA 17
REGIONE VALLE D’AOSTA 2
UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL PIEMONTE 1
Totale Risultato 113

Sorprende che vi siano alcune amministrazioni che hanno poco a che vedere con l’estero, soprattutto alcuni piccoli Comuni. V’è da dire subito che molte di queste partecipazioni sono indirette, cioè sono società estere che sono partecipate da organismi privati italiani, che sono a loro volta partecipati da pubbliche amministrazioni. E molte di queste partecipazioni indirette in società estere sono il risultato di partecipazioni dell’ente pubblico in organismi di tipo finanziario, che, a loro volta, acquistano azioni in società ed enti finanziari esteri. Ecco quindi svelato l’arcano.

In ogni caso sembra fuori luogo la partecipazioni in società private di tipo finanziario e/o bancario, perchè sembra difficilmente conciliabile con il divieto di partecipazioni “non  strettamente  necessarie “.

Vediamo ora i compensi che percepiscono alcuni rappresentanti degli enti pubblici nominati presso le partecipate. Tali soggetti sono solamente coloro che “rappresentano” l’ente pubblico, per esempio, nel consiglio di amministrazione, mentre sono esclusi tutti coloro che rivestono incarichi dirigenziali, consulenziali, che sono in comando, ed altre forme di utilizzazione del lavoratore.

I primi dieci compensi più alti coincidono con i compensi che superano il limite legale dei 240.000 euro, ed in particolare:

 

Incarico Importo trattamento economico
988.591,00
702.437,00
554.032,00
492.716,00
371.684,00
346.026,00
346.026,00
346.026,00
322.140,00
240.000,00

Sicuramente altri dati possono essere rilevati e rilevanti, per cui si allega in fondo alla pagina l’intero dataset, che consta di due files, e si ricorda il link dove poter scaricare i dati, anche degli altri anni: https://www.dt.mef.gov.it/it/attivita_istituzionali/partecipazioni_pubbliche/censimento_partecipazioni_pubbliche/open_data_partecipazioni/

dati_partecipazioni_anno_2018Download

dati_rappresentanti_anno_2018Download

archiviato sotto:
« dicembre 2022 »
dicembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman