Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2022 / Ottobre / 18/10/2022 - Appalti, un componente della commissione giudicatrice non può essere anche collaudatore dell’opera

18/10/2022 - Appalti, un componente della commissione giudicatrice non può essere anche collaudatore dell’opera

Tratto da: Anac

Componente della commissione giudicatrice e collaudatore dell’opera: incompatibilità di incarichi

C’è incompatibilità tra il ruolo di componente della commissione giudicatrice e quello di collaudatore dell'opera. Lo afferma l’Anac in un parere consultivo richiesto da un comune piemontese sulla nomina come collaudatore di un professionista già componente della commissione giudicatrice della gara.
L’Autorità ricorda che il collaudo cui sono soggetti i contratti pubblici rappresenta un momento fondamentale per la conclusione dell’iter realizzativo dell’opera pubblica, in quanto ha lo scopo di accertare e certificare che il lavoro sia stato eseguito a regola d'arte, in conformità del contratto. Già nel parere consultivo n. 21 del 21 giugno 2022, l’Autorità ha osservato che “la scelta dei collaudatori è subordinata a rigorosi criteri di professionalità, competenza e moralità” e che “per garantire lo svolgimento del collaudo secondo principi di correttezza, terzietà e imparzialità, il Codice appalti fissa una chiara disciplina in ordine alle incompatibilità della figura del collaudatore”.

Le verifiche sulla incompatibilità

Il collaudatore o i componenti della commissione di collaudo non devono avere svolto alcuna funzione nei lavori sottoposti al collaudo. Inoltre non devono avere avuto nell'ultimo triennio rapporti di lavoro o di consulenza con il soggetto che ha eseguito i lavori. Infine, non possono inoltre fare parte di organismi che abbiano funzioni di vigilanza, di controllo o giurisdizionali. È compito dell’amministrazione aggiudicatrice svolgere le opportune verifiche non solo sui requisiti morali e professionali dei tecnici da nominare, ma anche sui profili di incompatibilità

L’Anac ricorda anche la norma del codice appalti (articolo 77 comma 4) che oltre a stabilire un regime di incompatibilità tra membro della commissione giudicatrice e soggetto che abbia svolto, prima della gara, incarichi o funzioni tecnico-amministrative relative all’appalto, prevede, per i commissari stessi, un divieto per le attività successive all’espletamento della procedura selettiva, stabilendo espressamente che “non devono aver svolto né possono svolgere alcun'altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta”.

Secondo Anac il legislatore ha voluto preservare nella maniera più ampia possibile l’imparzialità di giudizio nello svolgimento delle operazioni della commissione giudicatrice, prevedendo espressamente che anche dopo la conclusione dell’incarico, i componenti della commissione non possano svolgere alcuna altra funzione nell’ambito del contratto di cui si tratta, analogamente a quanto disposto anche per i collaudatori. Lo svolgimento dell’incarico di collaudo rappresenta certamente lo svolgimento di “un incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta”. Da questa norma si può desumere dunque una incompatibilità tra il ruolo di componente della commissione giudicatrice e quello di collaudatore.

Il parere dell'Anac

 

Parere funzione consultiva n. 46 del 20 settembre 2022.pdf

0.11MB

« gennaio 2023 »
gennaio
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman