Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2022 / Ottobre / 03/10/2022 - Riforma dei concorsi: il problema degli incarichi agli esperti di valutazione delle competenze

03/10/2022 - Riforma dei concorsi: il problema degli incarichi agli esperti di valutazione delle competenze

Dal sito leautonomie.Asmel.eu un articolo di Luigi Oliveri

Per i concorsi pubblici la nuova complicazione è la presenza nelle commissioni di soggetti esterni, perché mancano indicazioni chiare su come incaricarli.

L’articolo 3, comma 1, lettera d), del d.l. 36/2022, convertito in legge 79/2022, ha riformato l’assetto dei concorsi pubblici, dando facoltà alle amministrazioni di prevedere, con gli atti di avvio del reclutamento, che “le commissioni siano integrate da esperti in valutazione delle competenze e selezione del personale, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”.

A ciò si aggiunga che sono in dirittura di arrivo le Linee guida sull’accesso alla dirigenza pubblica, attuative dell’articolo 28, comma 1-bis, del d.lgs 165/2001 come novellato dal d.l. 80/2021, le quali spingono in maniera molto forte ed evidente le PA ad acquisire dall’esterno esperti per le valutazioni: “Per il supporto alla individuazione e progettazione delle prove più utili a valutare in maniera combinata conoscenze e competenze dei candidati in tutte le fasi della procedura selettiva, per le amministrazioni che non hanno al proprio interno la necessaria expertise è opportuno fare ricorso, soprattutto nella fase iniziale di applicazione delle nuove disposizioni, a consulenti o società di consulenza operanti nel settore del reclutamento di personale pubblico e privato: il ricorso a tali professionalità appare, infatti, indispensabile per supportare l’amministrazione stessa, o la commissione che ne dovesse fare richiesta, nella delicatissima fase di progettazione delle prove di valutazione attitudinali. È preferibile che le società siano certificate UNI ISO 10667, la norma che disciplina le pratiche di assessment nei contesti organizzativi. In prospettiva sarà inoltre possibile fare ricorso all’Assessment Center della SNA, in corso di implementazione, per il necessario supporto metodologico (Capitolo 5)”.

Per quanto si tratti di una facoltà, difficilmente i concorsi riformati potranno essere organizzati senza tali figure di esperti, posto che ai sensi della precedente lettera a) del medesimo articolo , comma 1, del d.l. 36/2022 “Le prove di esame sono finalizzate ad accertare il possesso delle competenze, intese come insieme delle conoscenze e delle capacità logico-tecniche, comportamentali nonché manageriali, per i profili che svolgono tali compiti, che devono essere specificate nel bando e definite in maniera coerente con la natura dell’impiego, ovvero delle abilità residue nel caso dei soggetti di cui all’articolo 1, comma 1, della legge 12 marzo 1999, n. 68. Per profili iniziali e non specializzati, le prove di esame danno particolare rilievo all’accertamento delle capacita’ comportamentali, incluse quelle relazionali, e delle attitudini”. Per i concorsi alle qualifiche dirigenziali il già citato d.l. 80/2021, convertito in legge 113/2021, riformando l’articolo 28 del d.lgs 165/2001 dispone che “i bandi definiscono gli ambiti di competenza da valutare e prevedono la valutazione delle capacità, attitudini e motivazioni individuali, anche attraverso prove, scritte e orali, finalizzate alla loro osservazione e valutazione comparativa, definite secondo metodologie e standard riconosciuti”.

Da un lato le metodologie e gli standard riconosciuti non sono fin qui stati stabiliti; lo schema di Linee guida proposte dalla Sna per l’accesso alla dirigenza appare estremamente fumoso, tanto che permane piuttosto complicato passare dalla definizione astratta dell’esigenza di accertare le “competenze” alla loro indicazione concreta, comprendente elementi certi di valutazione. Dall’altro, soprattutto, si pone il problema rilevante di comprendere come incaricare i componenti esperti in questo genere di valutazioni.

La prassi non è d’aiuto. In effetti, già da molto tempo le amministrazioni hanno provato ad arricchire le valutazioni delle commissioni con l’operato di esperti “tagliatori di teste”. I metodi per incaricarli sono i più vari. Si passa da semplicistiche modalità di incarico intuitu personae, sul presupposto (a ben vedere erroneo) che si tratti di collaborazioni occasionali escluse dall’applicazione delle disposizioni sugli incarichi professionali previste dall’articolo 7, commi 5-bis e seguenti del d.lgs 165/2001, alla creazione di albi di esperti dai quali attingere per sorteggio di volta in volta, ad affidamenti regolati dal codice dei contratti a procedure comparative regolate appunto dall’articolo 7 del d.lgs 165/2001.

Il d.l. 36/2022 non dà nessuna indicazione, nonostante il sicuro diffondersi di procedure di reclutamento gestite da commissioni integrate dagli esperti avrebbe consigliato un intervento normativo chiaro e univoco su come comporre o integrare le commissioni, sia per evitare contenziosi legati alla legittimità della loro costituzione, sia per scongiurare questioni connesse alla spesa connessa.

Non sfugge che l’integrazione delle commissioni, in qualche modo consigliata, se non spinta, dal legislatore, è però da assicurare “senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”. Il che non vuol dire assegnare incarichi gratuiti, ma garantire – non si sa come – che il ricorso agli esperti non comporti una crescita della spesa: condizione semplicemente impossibile da verificare e, dunque, di portata molto relativa, ma tuttavia capace di esporre le amministrazioni a rischi di azioni erariali.

Scartata l’idea dell’incarico fiduciario intuitu personae, posto che l’obbligo di motivare ogni scelta nell’ordinamento esclude la fiducia come elemento su cui basare incarichi e scelte, l’alternativa appare tra la qualificazione degli incarichi come prestazioni di servizi (il codice Cpv del vocabolario comune degli appalti applicabile è il 79635000-4 – Servizi di centri di valutazione per reclutamento), e l’incarico professionale, di cui all’articolo 7 del d.lgs 165/2001.

Questa seconda opzione si lascia preferire: infatti non si esternalizza la valutazione, ma si incarica l’esperto di integrare un organo, la commissione, che appartiene alla PA reclutante. Occorre allora garantire la comparazione tra esperti, imposta dall’articolo 7, comma 6-bis, del d.lgs 165/2001. L’idea dell’albo degli esperti, comunque, potrebbe essere un utile strumento.

« dicembre 2022 »
dicembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman