Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2022 / Luglio / 21/07/2022 - Niente rimborso delle spese legali al dipendente che non ha perseguito l'interesse pubblico

21/07/2022 - Niente rimborso delle spese legali al dipendente che non ha perseguito l'interesse pubblico

Sul sito NTPlus del Sole24ore l’articolo integrale di Pietro Alessio Palumbo

Nel pubblico impiego la tutela legale dei dipendenti postula una serie imprescindibile di condizioni. Ossia che: il soggetto abbia la qualifica di dipendente pubblico; il giudizio sia promosso nei confronti del - e non dal - dipendente pubblico; ci sia una connessione dei fatti contestati con l'espletamento del servizio o con l'assolvimento di obblighi istituzionali; una sentenza o un provvedimento ne abbia escluso la responsabilità; le spese siano state ritenute congrue dall'Avvocatura dello Stato. Il Tar Lazio-Roma (sentenza n. 8269/2022) ha evidenziato che il diritto al rimborso, da parte dell'amministrazione di appartenenza, delle spese legali sostenute dal dipendente per la propria difesa in giudizio presuppone che non vi sia alcun conflitto d'interessi con il datore di lavoro; essendo necessario che la condotta addebitata non sia in alcun modo frutto di iniziative autonome, contrarie ai doveri funzionali o persino in contrasto con la volontà dell'ente pubblico. E ciò secondo una valutazione che prescinde dallo stesso esito del giudizio: la connessione tra i fatti contestati e l'espletamento del servizio o l'assolvimento di obblighi istituzionali va valutata sulla base del cosiddetto rapporto di immedesimazione organica, per il quale il dipendente agisce in nome e per conto dell'Amministrazione di appartenenza; e soprattutto per il perseguimento di fini propri della medesima amministrazione. Connessione interrotta quando la condotta dell'impiegato, pur posta in essere durante il servizio, non sia a ben vedere finalizzata al perseguimento dell'interesse pubblico.

......
Ai fini del rimborso delle spese legali sostenute da un pubblico dipendente, affinché sia ravvisabile una connessione tra la condotta tenuta e l'attività di servizio dell'impiegato, è necessario che la suddetta attività sia tale da poter imputare gli effetti dell'agire direttamente all'amministrazione di appartenenza. Neppure è sufficiente che l'evento sia avvenuto nel mentre ovvero in occasione della prestazione lavorativa. Discende che il diritto al rimborso può considerarsi legittimo esclusivamente quando risulti possibile imputare gli effetti dell'agire del lavoratore, nettamente alla sua Amministrazione datrice di lavoro, secondo il criterio del rapporto (nel caso ininterrotto) di immedesimazione organica

« ottobre 2022 »
ottobre
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman