Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2018 / Ottobre / 23/10/2018 - Procedimento disciplinare illegittimo: danno erariale alla commissione disciplinare

23/10/2018 - Procedimento disciplinare illegittimo: danno erariale alla commissione disciplinare

tratto da self-entilocali.it

Procedimento disciplinare illegittimo: danno erariale alla commissione disciplinare

Pubblicato il 22 ottobre 2018


I membri della commissione disciplinare che adottano nei confronti di un dipendente un provvedimento sanzionatorio illegittimo, rispondono dell’esborso finanziario subito dall’ente, rimasto soccombente dinanzi al giudice del lavoro.

Questo il principio espresso dalla Corte dei Conti, sez. Giur. Toscana, con la sentenza n. 241 depositata il 15 ottobre 2018.

Nel caso di specie un dipendente era risultato destinatario di un richiamo scritto per aver postato sul proprio profilo Facebook un’informazione riguardante l’amministrazione di appartenenza, esprimendo un commento personale che era stato ritenuto lesivo per l’immagine dell’ente.

Il giudice del lavoro aveva definito «asfittico» il provvedimento sanzionatorio adottato e aveva condannato il Comune al rimborso delle spese di giudizio.

I giudici contabili hanno successivamente ritenuto di elevata gravità la carenza provvedimentale in cui era incorsa la commissione disciplinare, tenuto conto che il comportamento (impropriamente) sanzionato, anche in ragione di copiosi precedenti giurisprudenziali, pareva pienamente legittimo.
Per questi motivi la commissione disciplinare è stata condannata al pagamento delle spese in favore del comune di appartenenza.

Leggi la sentenza
CC Sez. Giur. Toscana sent. n. 241 -18

« agosto 2022 »
agosto
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman