Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2018 / Novembre / 23/11/2018 - DA CONFERENZA STATO CITTÀ VIA LIBERA AL RINVIO DEI BILANCI DI PREVISIONE AL 28 FEBBRAIO 2019

23/11/2018 - DA CONFERENZA STATO CITTÀ VIA LIBERA AL RINVIO DEI BILANCI DI PREVISIONE AL 28 FEBBRAIO 2019

tratto da anci.it
DA CONFERENZA STATO CITTÀ VIA LIBERA AL RINVIO DEI BILANCI DI PREVISIONE AL 28 FEBBRAIO 2019
[22-11-2018]
Decisione assunta nella riunione di oggi al Viminale. Il presidente Decaro: “Troppa incertezza su alcuni contenuti del disegno di legge di bilancio”

 
In Conferenza Stato-Città, il ministero dell’Interno ha dato il via libera alla proroga al 28 febbraio dei termini per approvare il bilancio di previsione 2019 precedentemente fissati al 31 dicembre 2018. La decisione è arrivata nella riunione odierna al Viminale cui hanno partecipato il vicepresidente Anci e sindaco di Livorno Filippo Nogarin ed il sindaco di Novara Alessandro Canelli, neo designato nella delegazione associativa per le Conferenze.
L’esigenza di un rinvio dei termini era stata evidenziata nei giorni scorsi dal presidente dell’Anci Antonio Decaro in una lettera inviata al ministro dell’Interno Matteo Salvini. L’esigenza di un rinvio “risulta motivata dall’incertezza su alcuni contenuti del disegno di legge di bilancio”, scrive Decaro nella missiva firmata insieme con il presidente dell’Upi Achille Variati.
Il presidente Anci fa riferimento nello specifico “alla transizione verso il superamento dei vincoli contabili aggiuntivi, oltre che ai dispositivi fiscali relativi alla rottamazione dei ruoli, che necessitano di un’analisi puntuale degli effetti che produrranno sui bilanci”. (gp)
archiviato sotto:
« agosto 2022 »
agosto
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman