Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2018 / Novembre / 01/11/2018 - Permesso per visite: l’assenza non può essere autocertificata dal dipendente

01/11/2018 - Permesso per visite: l’assenza non può essere autocertificata dal dipendente

tratto da self-entilocali.it

Permesso per visite: l’assenza non può essere autocertificata dal dipendente

Pubblicato il 31 ottobre 2018


L’assenza per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche o esami diagnostici non può essere giustificata mediante autocertificazione del dipendente.

Questo il chiarimento fornito dall’Aran con l’orientamento applicativo CFL22 del 30 ottobre 2018.

L’art. 35, comma 9, del CCNL del 21.5.2018 prevede espressamente che, ai fini della fruizione dei permessi di cui si tratta, l’assenza sia giustificata solo mediante una specifica attestazione di presenza, anche in ordine all’orario, redatta dal medico o dal personale amministrativo della struttura, anche privati, che hanno svolto la visita o la prestazione.

Pertanto è da escludersi che l’assenza possa essere giustificata anche mediante autocertificazione, qualunque sia la causa della mancanza della documentazione giustificativa richiesta.

Sull’argomento si evidenzia che l’Aran, con l’orientamento applicativo CFL28, ha chiarito che stante la particolare tipologia di tali permessi, gli stessi non sono rifiutabili dall’ente, neppure in presenza di esigenze di servizio.

Inoltre, con l’orientamento applicativo CFL28, l’Aran ha chiarito che tali permessi non possono essere fruiti anche per visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici connesse ad esigenze di congiunti del dipendente.

archiviato sotto: ,
« dicembre 2021 »
dicembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman