Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2018 / Luglio / 07/07/2018 - Strage via d’Amelio: un breve testo poetico in memoria di Paolo Borsellino

07/07/2018 - Strage via d’Amelio: un breve testo poetico in memoria di Paolo Borsellino

tratto da lentepubblica.it

Strage via d’Amelio: un breve testo poetico in memoria di Paolo Borsellino

Pubblicato da lentepubblica.it il 6 luglio 2018

 

Con l’avvicinarsi del 26mo anniversario della strage di Via d’Amelio, il poeta Fabio Strinati ha condiviso, con la nostra redazione, un breve testo poetico in memoria di Paolo Borsellino.

Si avvicina la triste data del 19 luglio: nel 1992, una Fiat 126 rubata con cento chili di tritolo saltò in aria in via D’Amelio a Palermo, all’altezza del civico 21. Con questo triste attentato vennero uccisi il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

In occasione dell’avvicinarsi alla ricorrenza del 26mo anniversariodella strage di Via d’AmelioFabio Strinatipoeta, aforista, pianista e compositore, ha deciso di condividere con la nostra redazione un breve testo poetico inedito, composto e dedicato alla memoria del magistrato Paolo Borsellino, che proprio nel Luglio di 26 anni fa veniva barbaramente assassinato dalla criminalità organizzata.

Qui di seguito vi riportiamo il testo del componimento poetico, ringraziando l’autore per la sua concessione.

 

A PAOLO BORSELLINO

Una vita vissuta con orgoglio, immersa

dentro a un costante rischio e a questo richiamo

della morte che ti ha sottratto a questo mondo

che tu hai contribuito a rendere meno estraneo,

e di un colorito migliore. Quel tuo sguardo sereno e lucido

ma intriso da una tempra che provocava persino soggezione,

nonostante nel vento aleggiava un orrore,

un ghigno e un perfido lamento covavano

il lutto di un fiore

che ancora oggi è qui tra noi e non appassisce;

mai cadùco e sempre d’una viva ed eterna gradazione,

il tuo volto forte che nell’aria, sempre più si espande.

Di te ancora oggi quel ricordo di un uomo

imbevuto d’intelligenza e di calore. Un uomo vero,

una follia decorata da un fertile dolore

che ti ha imbrattato di rosso il corpo,

e l’anima di un altro colore.

FABIO STRINATI

« ottobre 2022 »
ottobre
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman