Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2016 / Marzo / 28/03/2016 - Qualcuno vuole distruggere la nostra cultura? Sì, noi

28/03/2016 - Qualcuno vuole distruggere la nostra cultura? Sì, noi

tratto da linkiesta.it

Qualcuno vuole distruggere la nostra cultura? Sì, noi

Siamo il paese europeo che spende meno in istruzione e cultura. Una scelta scellerata che fa più male di mille statue coperte. Dove sono finiti i paladini dell’identità culturale?

di Francesco Cancellato
 

Ricordate le statue coperte dei musei capitolini durante la visita del presidente iraniano Rohani? Ricordate gli strali verso quegli zelanti diplomatici che avevano calato le braghe di fronte al feroce - e bacchettone - saladino, coprendo le pubenda della Venere Esquilina, del Dioniso degli Horti Lamiani e di loro, non meglio precisati, marmorei colleghi? Ricordate quelli che dicevano che in questo modo stavamo occultando noi stessi e mortificando la nostra cultura?

Bene, sarebbe interessante sapere dove sono finiti, ora. Perché avremmo un paio di cose da fargli vedere, che a nostro avviso, offendono la nostra cultura molto più di tre scatole di cartone. Sono i dati Eurostat sulla spesa in istruzione e cultura in Italia e sono stati resi pubblici lo scorso 26 marzo, alla vigilia di Pasqua.

È difficile non essere sottomessi dalle culture altrui, se non si investe in tutela, produzione e promozione culturale. È impossibile che la nostra cultura si tramandi nel tempo se non si investe in istruzione.

La facciamo molto breve: l'Italia è all'ultimo posto in Europa per percentuale di spesa pubblica destinata all'istruzione e al penultimo, davanti alla sola Grecia, per quella destinata alla cultura. A quello che, in teoria, dovrebbe essere il nostro petrolio - la cultura - destiniamo lo 0,7% del Pil, laddove la media europea è l'1%. All’istruzione, invece, destiniamo il 4,1%, contro il 4,9% europeo. Il tutto, nonostante la nostra spesa pubblica complessiva sia tra le otto (su ventotto) che superano complessivamente il 50% del prodotto interno lordo.

Ok, fa molto meno scena di una statua coperta. E tira molti meno applausi della giaculatoria contro il presidente bacchettone in visita diplomatica. Però questi numero dovrebbero farci altrettanto orrore. Perché è difficile non essere sottomessi dalle culture altrui, se non si investe in tutela, produzione e promozione culturale. Perché è impossibile che la nostra cultura si tramandi nel tempo se non si investe in istruzione.

Non c’è bisogno di califfi, di sultani o di ayatollah, quindi. A distruggere la nostra cultura siamo bravissimi da soli.

« settembre 2022 »
settembre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman