Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2015 / Giugno / 05.06.2015 - Riforma Madia, i sindaci chiedono un «dirigente unico»

05.06.2015 - Riforma Madia, i sindaci chiedono un «dirigente unico»

tratto da http://www.quotidianoentilocali.ilsole24ore.com/

Riforma Madia, i sindaci chiedono un «dirigente unico»

di Paola Cosmai

Q
E
L

Ruolo della dirigenza, trasparenza e anticorruzione, amministrazione digitale, semplificazione normativa: sono alcuni dei temi affrontati da Anci e Upi in un documento congiunto presentato lo scorso 3 giugno alla Commissione Affari costituzionali della Camera in occasione della audizione sul disegno di legge di riorganizzazione della Pa (A.C. n. 3098). Nel documento, premesse le finalità di semplificazione e ottimizzazione della riforma, le associazioni degli enti locali hanno rappresentato alcune criticità da rimuovere.

Amministrazione digitale, trasparenza e anticorruzione 
Per la parte concernente il dialogo col cittadino, le associazioni, da un lato, propongono l'accessibilità degli archivi pubblici nazionali che detengono informazioni di interesse generale (non riservate o secretate) fornite da privati o pubbliche amministrazioni e, dall'altro lato, un miglior raccordo tra le regole dell'accesso agli atti e quelle della pubblicazione sui siti istituzionali, prevedendo sia che queste ultime sostituiscano gli obblighi di comunicazione dei relativi dati alle amministrazioni centrali, sia che le incombenze possano essere adempiute in maniera associata da parte dei Comuni di minori dimensioni (modulo organizzativo peraltro già sperimentato per gli appalti e altre competenze).

Riassetto amministrativo statale 
In merito ai principi inerenti la riorganizzazione dell'apparato centrale e periferico dello Stato e delle Forze di Polizia, complementare alla riforma Delrio, tenuto conto della sua lenta implementazione, a giudizio delle associazioni locali non si possono includere anche quelli relativi al riordino delle Polizie provinciali che, viceversa, dovrebbero costituire oggetto di separate disposizioni.
Inoltre, il documento auspica la permanenza della presenza dello Stato centrale su tutto il territorio secondo il vecchio parallelismo che la vedeva coincidente con quello provinciale e non solo, come parrebbe nei principi del disegno di legge delega, con i capoluoghi di regione e le Città metropolitane, con conseguente "scopertura" delle restanti aree.

Dirigenza pubblica 
Dato atto dell'accoglimento a cura del Senato delle istanze di conservazione di una figura dirigenziale di vertice che funga da raccordo, negli enti locali, tra l'apparato pubblico e quello burocratico dell'amministrazione, il documento congiunto auspica il superamento del dualismo, presente negli enti di grosse dimensioni, dovuto alla coesistenza delle figure del direttore generale e del dirigente apicale, con la rimozione di una delle due per ridurre i costi e le sovrapposizioni di competenze, preservando la facoltà di nomina tra professionisti esterni.
Tra i principi di cui si auspica inoltre l'espunzione c'è quello dell'assegnazione degli incarichi secondo le valutazioni preliminari della Commissione per la dirigenza locale, una procedura, secondo il documento, foriera di rigidità e poco praticabile.
Mentre, tra i principi da introdurre, vi è la partecipazione delle associazioni locali al processo formativo di dirigenti e dipendenti.

Semplificazione normativa 
Per Anci e Upi, infine, in occasione della snellimento normativo, occorrerebbe semplificare le regole per il lavoro flessibile e il trattamento retributivo, anche accessorio, dei dipendenti pubblici, nonché quelle per le partecipazioni societarie e per i controlli esterni sugli enti locali, evitando stratificazioni legislative e di adempimenti di scarsa efficacia.

 

« settembre 2023 »
settembre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman