Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2014 / Maggio / abolizione - il ministro Alfano

abolizione - il ministro Alfano

tratto da segretaridellazio.blogspot.it

sabato 24 maggio 2014

Il Ministro dell'interno Alfano batte un colpo sulla proposta di riforma Renzi/Madia di abolizione dei Segretari (intervista di Mentana del 23.11.2014)

Ieri sera a "Bersaglio mobile" la trasmissione di approfondimento politico condotta da Enrico Mentana su La7, il Ministro dell'interno, Angelino Alfano, ha mostrato di esserci e di rivendicare un ruolo per il suo partito all'interno della maggioranza di governo.

Di interesse, in merito alla proposta di abolizione dei Segretari comunali contenuta nella lettera Renzi/Madia, il seguente passaggio in cui il Ministro Alfano ha sottolineato le differenze tra il PD ed il Nuovo Centro Destra:

"Sulla riforma dello Stato e della PA si evidenzia chiaramente la differenza tra noi e Renzi. Noi siamo dell'opinione che nella riforma dello Stato e della PA lo Stato non vada rottamato, ma riformato. Noi non siamo rottamatori, ma riformatori. Noi non siamo quelli che dicono togliamo tutti i presidi delle Preffetture in Italia, siamo per riorganizzare il sistema. Noi non siamo quelli per cui possono essere mandati a casa tutti i Segretari comunali da un giorno all'altro, perché riteniamo che sia un presidio di legalità, soprattutto nei piccoli comuni del sud. Queste differenze vengono fuori perché ora c'è una spinta del partito e non solo del governo".

Qui il link alla registrazione della puntata di "Bersaglio mobile" del 23 maggio 2014, con avvertenza che la parte dell'intervista citata inizia al minuto 16,15.

« gennaio 2022 »
gennaio
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman