Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2014 / Giugno / la fuffa dei sindaci a illegittimità diffusa

la fuffa dei sindaci a illegittimità diffusa

considerazioni di L. Oliveri

La fuffa dei sindaci ad illegittimità diffusa

 

Oggi su La Stampa questo articolo esalta in ditirambi ed endecasillabi sciolti i bravissimi sindaci della sinistra, che "innovano". Come? Andando in bici, nominando donne nelle giunte. L'esaltazione della fuffa, che non ha alcun rilievo nell'amministrazione di ogni giorno.

Ma, in più, la laude si sofferma sulla nomina dei "consiglieri delegati". Peccato che i consiglieri comunali non possano essere delegati. E' una prassi moto diffusa, ma totalmente illegittima, perchè si allarga surrettiziamente la funzione delle giunte violando, per altro, la separazione delle funzioni di giunta e consiglio comunale. Inoltre, altra cosa che nessuno mai indica, il sindaco non può delegare proprio nessuno, nè assessori, nè consiglieri. Le deleghe sono previste solo dalla legge e per funzioni estremamente limitate che non concernono la funzione degli assessori. Nessuno che legga mai il d.lgs 267/2000, il testo unico degli enti locali, e si accorga che, per altro, gli assessori non hanno rilevanza individuale, non sono dei "ministri locali". Gli assessori rilevano solo come componenti di un organo collegiale, che svolge funzioni di supporto ai sindaci.

Ancora, l'articolo, nei suoi esametri trocaici in osanna al "nuovo", riporta con commozione l'idea di Pavia di istituire l'assessorato alla felicità. Un'idea tanto demagogica quanto scioccamente posta a lasciar intendere che un sentimento possa essere guidato e regolato dalla funzione amministrativa (ne scrivemmo in passato già qui).

Infine, massima emozione, commozione e tremore per il nuovo sindaco di Firenze, che nomina 4 consiglieri personali e per questo esaltato, portato a fulgido esempio del "nuovo che avanza" e della "svolta buona". La svolta, cioè, che conserva le vecchie abitudini delle conventicole. Al sindaco, dunque, non basta avere gli assessori, ma gli occorrono i consiglieri "personali", sia chiaro. E' la persona che conta, il "signore", il "principe". Ed i menestrelli di corte cantano ed esaltano. Bentornato, Medio evo...

« gennaio 2022 »
gennaio
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman