Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Settembre / 04/09/2020 - I Comuni possono gestire in forma associata i procedimenti disciplinari

04/09/2020 - I Comuni possono gestire in forma associata i procedimenti disciplinari

tratto da gdc.ancitel.it
I Comuni possono gestire in forma associata i procedimenti disciplinari
AGEL 3 settembre 2020, di alm
 
*=da italgiure.giustizia.it
 
Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sezione lavoro, con la sentenza n. 14811/2020
L’Ufficio per i procedimenti disciplinari degli enti locali può essere oggetto di convenzione, ai sensi dell’art. 30, commi 1 e 4, del D.Lgs. n. 267/2000, purché tutte le fasi del procedimento vengano condotte da un soggetto terzo rispetto al lavoratore incolpato e alla struttura nella quale egli operi. Condizione ammissibile già prima della modifica del comma 3 dell’art. 55-bis del D.Lgs. n. 165/2001 introdotta dal D.Lgs. n. 75/2017. Permane poi valido il generale principio secondo cui le previsioni della contrattazione collettiva che graduano le sanzioni disciplinari non sono vincolanti per giudice del merito, essendo quelle della giusta causa e del giustificato motivo di licenziamento nozioni legali, mentre il giudice deve tenere conto di tali tipizzazioni per le sanzioni conservative. Trattandosi di una condizione di maggior favore per l’incolpato, il giudice è, in linea di principio, vincolato dal CCNL nel senso che se alla mancanza il CCNL ricollega una sanzione conservativa, il giudice non può estendere il catalogo delle giuste cause o dei giustificati motivi di licenziamento oltre quanto stabilito dall’autonomia delle parti. Lo ha afferma la Corte di Cassazione, sez. lav., con la sentenza n. 14811/2020
« agosto 2022 »
agosto
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman