Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Ottobre / 22/10/2020 - Congedo Covid Dipendenti Pubblici e Smart Working: cosa cambia?

22/10/2020 - Congedo Covid Dipendenti Pubblici e Smart Working: cosa cambia?

tratto da lentepubblica.it
Congedo Covid Dipendenti Pubblici e Smart Working: cosa cambia?
lentepubblica.it • 21 Ottobre 2020
 
Ecco tutte le ultime novità e cosa cambia alla luce delle recenti disposizioni normative.

Congedo Covid Dipendenti e Pubblici e Smart Working: cosa cambia alla luce dell’approvazione del Decreto firmato dal Ministro Dadone e del DPCM 18 Ottobre?
Ecco i punti di maggiore interesse.
Congedo Covid Dipendenti Pubblici e Smart Working: DPCM 18 Ottobre e INPS
Nel DPCM 18 Ottobre si allargano le maglie per il lavoro agile. Sul lavoro agile, la quota consigliata dal Comitato tecnico scientifico è del 70% ma si è discusso sull’alzare asticella (ad un possibile 75%). Nel testo del Dpcm però non c’è una quota specifica. Per la Pubblica amministrazione, la normativa vigente,  intanto, ha prorogato fino al prossimo 31 dicembre il lavoro agile per il 50% dei dipendenti con mansioni che possono essere svolte da casa
Cosa implica questo sui congedi covid? Le norme discusse finora rafforzano le disposizioni dell’ultima Circolare INPS.
Risulta infatti precisato che il congedo può essere utilizzato per tutto il periodo della quarantena, cioè anche se la stessa viene prolungata o se si ripete nel tempo, o ancora se il provvedimento riguarda, in periodi differenti, diversi figli. Il tutto purché entro la fine di quest’anno, come da decreto legge.
Il limite principale all’utilizzo del congedo (ma non dello smart working) è costituito dalle risorse economiche disponibili, 50 milioni di euro, per erogare l’indennizzo pari al 50% della retribuzione corrispondente ai giorni di lavoro non effettuati.
Il Decreto sullo Smart Working firmato da Fabiana Dadone
Inoltre nel Decreto del Ministro della PA che spuntano altre postille interessanti. All’art.4, infatti, si parla di “flessibilità oraria“.
Nello specifico ci si riferisce a fasce temporali di flessibilità oraria in entrata e in uscita ulteriori rispetto a quelle adottate, nel rispetto del sistema di relazioni sindacali definito dai contratti collettivi nazionali.
Un modo dunque per agevolare il personale dipendente nei trasferimenti necessari al raggiungimento della sede di servizio.
Inoltre, nei casi di quarantena con sorveglianza attiva o di isolamento domiciliare fiduciario, il lavoratore, che non si trovi comunque nella condizione di malattia certificata, svolge la propria attività in modalità agile.
Ma lo stesso art.4 pone un ulteriore disciplina anche per le assenze, e dunque per i congedi, dei dipendenti pubblici.
Infatti, l’assenza dal servizio del lavoratore, necessaria per lo svolgimento degli accertamenti sanitari propri, o dei figli minorenni, disposti dall’autorità sanitaria competente per il Covid-19, è equiparata al servizio effettivamente prestato.
archiviato sotto: ,
« dicembre 2021 »
dicembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman