Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Ottobre / 15/10/2020 - Assunzioni a rischio blocco nelle unioni di comuni

15/10/2020 - Assunzioni a rischio blocco nelle unioni di comuni

tratto da Italia Oggi del 15.10.2020
Assunzioni a rischio blocco nelle unioni di comuni
di Matteo Barbero
 
Rischio blocco delle assunzioni per le unioni di comuni. L'allarme è scattato dopo che la Corte dei conti Lombardia ha ritenuto che a queste ultime si applichi la stessa disciplina dettata per gli enti ad esse aderenti. Tutto nasce con l'art. 33, comma 2, del dl 34/2019, che ha rivoluzionato i criteri di calcolo della capacità di reclutamento dei municipi, dividendoli in fasce a seconda della diversa incidenza della rispettiva spesa di personale sulle entrate correnti. La norma ha trovato attuazione dapprima con Dpcm 17 marzo 2020, cui è seguita la circolare della Funzione pubblica 13 maggio 2020 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'11/9/2020). Sulla materia hanno iniziato ad esercitarsi anche le Sezioni regionali di controllo della magistratura contabile, investite di quesiti dai sindaci, cui sono seguiti alcuni orientamenti in contrasto con quelli ministeriali e (almeno apparentemente) con la stessa normativa primaria. Fra questi spicca la recente deliberazione lombarda n. 109/2020, che ha appunto sancito l'estensione della novella anche alle unioni. Tale conclusione, invero, pare in contrasto con il citato art. 33, che espressamente richiama solo i comuni (oltre a regioni, città metropolitane e province). Secondo la Corte, invece, esso, introducendo una diversa modalità di computazione dello spazio assunzionale (come si è detto, flessibile e ancorato ad un concetto di flusso) sostituisce la normazione preesistenti, applicandosi anche alle forme associative di cui all'art. 32 del Tuel. In tal modo, però, un meccanismo tarato su enti aventi un'autonomia finanziaria relativamente piena viene rivolto anche ad enti a finanza in gran parte derivata, rischiando di falsare il rapporto spesa di personale/entrate correnti e la sua stessa declinazione per fascia demografica. Ancora più seria la situazione delle comunità montane, che sono bensì unioni di comuni, ma che gestiscono funzioni ulteriori e specifiche, con la relativa dotazione di personale che rischia di non poter essere sostituito al momento della cessazione. Per questo, sul territorio monta la protesta, che nei giorni scorsi è manifestata in una serie di quesiti rivolti all'Uncem per rivendicare una diversa lettura che porti ad affermare l'esclusione delle comunità montane (e più in generale delle unioni) dall'ambito di applicazione delle nuove regole.
archiviato sotto:
« ottobre 2020 »
ottobre
lumamegivesado
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman