Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Novembre / 30/11/2020 - L’utilizzo delle graduatorie

30/11/2020 - L’utilizzo delle graduatorie

Dal sito di GIANLUCA BERTAGNA

Spero davvero che la recente ordinanza n. 25986/2020[1] della Corte di Cassazione faccia capire una volta per tutte agli enti che non è possibile scorrere le graduatorie scegliendo i candidati “a gradimento”. È, invece, obbligatorio procedere nell’esatto ordine degli idonei ancora rimasti in posizione utile.

Va da sé che non hanno alcun senso le “manifestazioni di interesse” (o che dir si voglia), finalizzate a chiedere ai vincitori e idonei non ancora assunti se sono disponibili a prendere servizio in un ente, magari dopo un’ulteriore selezione o colloquio di idoneità.

Tra le cose senza senso c’è anche quella di inviare a tutti i comuni di Italia (o quasi) una richiesta di disponibilità a “prestare” l’utilizzo di graduatorie esistenti. E poi? Con quali criteri verrà scelta la graduatoria a cui attingere?

Queste sono le distorsioni di un sistema che, invece, non dovrebbe mai dimenticare né i principi costituzionali e neppure il buon senso, la logica, la razionalità.

Quello su cui un ente deve puntare l’attenzione è fissare seri e oggettivi criteri per la scelta NON degli idonei, ma degli enti con cui convenzionarsi per l’utilizzo delle graduatorie a cui attingere: distanza, territorialità, omogeneità di profili, data di predisposizione, utilizzi precedenti, ecc. ecc.

E una volta individuato l’ente con cui stipulare la convenzione – che è un atto di natura dirigenziale – è opportuno che gli accordi sull’utilizzo condiviso delle graduatorie contengano regole chiare ed esaustive[2] (da notificare agli idonei interpellati), con particolare riferimento a:

– conseguenze della rinuncia all’assunzione da parte dell’idoneo interpellato da un ente diverso da quello titolare della graduatoria in relazione alla conservazione della sua posizione per successivi scorrimenti;

– modalità e tempi per l’interpello degli idonei;

– tempi per la comunicazione degli esiti degli avvenuti scorrimenti all’ente titolare della graduatoria, coerenti con l’adempimento ai nuovi obblighi in materia di trasparenza.

Ben vengano quindi le azioni finalizzate a creare un portale nazionale di condivisione delle graduatorie portate avanti dal Dipartimento della Funzione Pubblica, ma prima di tutto servono i piedi per terra nelle scelte a monte. Poi i monitoraggi diventano tutti più facili.

[1] Cassazione civile, sezione L, ordinanza n. 25986 emessa il 16 luglio 2020 e pubblicata il 16 novembre 2020. L’ordinanza è consultabile utilizzando la funzione di ricerca disponibile alla pagina: http://www.italgiure.giustizia.it/sncass/.

[2] Si veda anche Lorenzo Marinoni in Personale News n. 1/2020.

 

archiviato sotto:
« settembre 2021 »
settembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman