Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Novembre / 02/11/2020 - Revoca del dirigente, lo «scambio» di incarichi non equivale alla rotazione

02/11/2020 - Revoca del dirigente, lo «scambio» di incarichi non equivale alla rotazione

Su NTplusentilocaliediliza del Sole24 ore

La revoca anticipata dell'incarico dirigenziale deve essere adottata con un atto formale e richiede una motivazione esplicita, fondata su ragioni chiare e attinenti alla specifica area in cui è investito il manager in questione. Per tutto ciò, ha chiarito la Cassazione, la revoca di fatto di un incarico in precedenza attribuito con conseguente «passaggio» immotivato da questo incarico a un altro, e a ben vedere senza ragioni organizzative o valutazioni comparative, non può essere inquadrato nell'istituto della cosiddetta rotazione che per natura implica un riassetto organizzativo complessivo e non certo limitato ad alcuni soltanto dei settori dell'organigramma. In altre parole, il conferimento dell'incarico manageriale determina accanto al rapporto fondamentale a tempo indeterminato secondo il cosiddetto sistema binario, l'istaurazione di un contratto a tempo determinato il quale ai sensi della normativa di diritto comune è passibile di recesso prima della scadenza, solo in presenza di una giusta causa organizzativa o afferente a vicende «critiche» dell'incaricato.

Il manager rimosso va quindi riassegnato alle funzioni revocate sempreché nel fattempo, come nel caso trattato dalla Cassazione, nella sentenza 21482/2020, nelle more della giustizia il dirigente non sia ormai andato in pensione.

ALLEGATO - Ordinanza Cassazione 

archiviato sotto: ,
« ottobre 2022 »
ottobre
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman