Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Luglio / 09/07/2020 - Imposta di soggiorno: riflessioni e prospettive in tempi di pandemia

09/07/2020 - Imposta di soggiorno: riflessioni e prospettive in tempi di pandemia

tratto da federalismi.it
DI GABRIELLA DE MAIO
Imposta di soggiorno: riflessioni e prospettive in tempi di pandemia
 
Abstract [It]: Il tema dell’imposta di soggiorno è di rilevante attualità in quanto l’emergenza sanitaria di portata pandemica sta innescando una serie di effetti negativi, specie nel comparto turistico. Ciò impone una attenta riflessione su alcuni aspetti focali del tributo che, in quanto critici, rischiano di acuirsi nella fase successiva al lockdown, concretando il pericolo di una profonda crisi del settore, con ripercussioni gravi a livello nazionale e locale. Occorre, pertanto, ri-considerare l’istituto, in chiave dogmatica e sotto il profilo applicativo, optando non solo per una disciplina più puntuale che tenga in debito conto le sollecitazioni giurisprudenziali sulla natura giuridica ed il ruolo del soggetto gestore, ma anche rendendo effettivo e trasparente – ai cittadini come ai turisti - il vincolo fra la destinazione del gettito dell’imposta e gli interventi in favore del turismo.
 
Sommario1. L’attualità del dibattito sull’imposta di soggiorno. 2. L’inquadramento storico - dogmatico del tributo. 3. Il vincolo di destinazione ed i profili applicativi dell’imposta: criticità “irrisolte”. 4. Il ruolo del gestore della struttura ricettiva e le modifiche del Decreto-Legge 19 maggio 2020, n. 34. 5. Una riforma organica ed un mutamento di visuale: i possibili scenari per il rilancio del settore.
 
archiviato sotto:
« ottobre 2021 »
ottobre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman