Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Luglio / 06/07/2020 - Corte dei Conti: revoca di benefici pubblici

06/07/2020 - Corte dei Conti: revoca di benefici pubblici

tratto da self-entilocali.it
Corte dei Conti: revoca di benefici pubblici
Pubblicato il 3 luglio 2020

Costituisce danno erariale la revoca di un contributo di finanziamento laddove la stessa derivi da una mancata comunicazione tempestiva del dirigente circa la protrazione di lavori pubblici, disposta da apposita convenzione stipulata tra una banca e un ente pubblico.
Questo quanto espresso dalla Corte dei Conti, sez. giur. Toscana, con la sentenza n. 186 depositata il 18 giugno 2020.
Nel caso di specie, era stato contestato al Responsabile Unico del procedimento (RUP), nonché dirigente comunale del settore competente, la mancata comunicazione tempestiva della protrazione di lavori pubblici, oltre il termine in origine previsto dalla convenzione di finanziamento per lo svolgimento dei lavori di cui sopra, stipulata con una fondazione bancaria, che ha determinato la revoca del contributo di finanziamento così come disposto dalla stessa convezione.
La Procura erariale aveva eccepito la sussistenza di un danno erariale nei confronti dell’ente pubblico per un ammontare pari al contributo revocato, in virtù della perdita irrevocabile verificatasi per l’ente stesso.
La Corte dei Conti ha richiamato quanto espresso dalla Corte dei Conti, Sez. III Appello, sentenza n. 117/2019, secondo cui “è corretta l’attribuzione al dirigente della colpa per l’intero illecito costituito dall’emissione di una legittima e dannosa determina dirigenziale, nel caso in cui manchi del tutto l’evidenza della partecipazione alla fase istruttoria del responsabile del procedimento”.
Nel caso di specie le due figure, di dirigente e di RUP coincidevano, pertanto il dipendente comunale è ritenuto dalla magistratura contabile inottemperante alle proprie funzioni sia di RUP che di dirigente, ai sensi dell’allora art. 10 del d.lgs. 163/2006 e ai sensi dell’art. 107, comma 3, lett. d) del d.lgs. 267/2000, in quanto avrebbe dovuto verificare la persistente copertura finanziaria dei lavori in origine programmata.
Oltre a ciò, la magistratura contabile ha richiamato quanto espresso dalla medesima Sezione, con sentenza n. 221/2016, secondo cui le funzioni gestorie in capo alla dirigenza seppur esclusive non esonerano da responsabilità gli organi politici ove sia ravvisabile  un concorso causale concreto alla produzione del danno erariale nei confronti dell’ente pubblico.
Nel caso di specie, la Corte dei Conti ha rilevato il concorso causale di altri comportamenti omissivi irregolari da parte degli organi politici tali da poter ritenere riducibile della metà il risarcimento per danno erariale richiesto dalla Procura.
Pertanto, la Corte dei Conti, nella sentenza in commento ha accolto parzialmente  le richieste di danno avanzate dalla Procura erariale, condannando il dipendente comunale soltanto in parte al risarcimento del danno erariale causato all’Amministrazione di appartenenza.
archiviato sotto:
« giugno 2022 »
giugno
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman