Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Luglio / 03/07/2020 - Affidamento di servizi di architettura e ingegneria, nozione di “operatore economico” ed enti senza scopo di lucro: la sentenza della Corte di giustizia UE

03/07/2020 - Affidamento di servizi di architettura e ingegneria, nozione di “operatore economico” ed enti senza scopo di lucro: la sentenza della Corte di giustizia UE

tratto da giustizia-amministrativa.it
Affidamento di servizi di architettura e ingegneria, nozione di “operatore economico” ed enti senza scopo di lucro: la sentenza della Corte di giustizia UE
 
In linea con la precedente giurisprudenza, la Corte di giustizia UE ha affermato che, qualora un ente sia abilitato in forza del diritto nazionale a offrire sul mercato servizi di ingegneria e di architettura nello Stato membro interessato, esso non può vedersi negato il diritto di partecipare a una procedura di aggiudicazione di un appalto pubblico avente ad oggetto la prestazione degli stessi servizi, e ciò anche quando tale preclusione sia determinata da specifiche presunzioni discendenti dalla sua forma giuridica, quale quella di ente senza scopo di lucro. La Corte ha, altresì, evidenziato che lo svolgimento a titolo professionale delle prestazioni di architettura ed ingegneria in via continuativa e remunerata non veicola, ex se, una presunzione di maggiore affidabilità del soggetto e non potrebbe giustificare, dunque, le correlate limitazioni soggettive poste dalla legislazione nazionale che disciplina le procedura di affidamento: se un soggetto è abilitato a svolgere determinate prestazioni deve, in sintesi, poter rendere le stesse anche nei confronti di committenti pubblici.
Decisione
« maggio 2022 »
maggio
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman