Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Gennaio / 29/01/2020 - Perde le ferie il dipendente che non ne fruisce di proposito

29/01/2020 - Perde le ferie il dipendente che non ne fruisce di proposito

tratto da Italia Oggi
Perde le ferie il dipendente che non ne fruisce di proposito
Il datore deve assicurarsi che il lavoratore sia in condizione di godere dei riposi ma non si può costringerlo a imporne la fruizione. Costituzionale il bilanciamento fra le contrapposte esigenze
di Dario Ferrara
Perde le ferie il dipendente pubblico che non ne fruisce di proposito. I periodi annuali retribuiti di riposo per il lavoratore sono tutelati dalle norme fondamentali dall'Unione europea oltre che dalla Costituzione. E il datore deve assicurarsi che il prestatore sia effettivamente messo in condizione di godere dei giorni di relax e svago. Ma non si può costringerlo a imporne la fruizione ai lavoratori: è sufficiente che dimostri di aver impiegato tutta la diligenza necessaria affinché l'addetto possa esercitare concretamente il diritto. È quanto emerge dalla sentenza 1/2020, pubblicata dalla sezione unica del Tar della Valle d'Aosta. Viene bocciato il ricorso dell'ispettrice superiore della polizia penitenziaria, costretta agli straordinari perché nel carcere le sono affidate funzioni di comando per la storica carenza di dirigenti. A conti fatti emergono 173 giorni di congedo ordinario maturato e non fruito, più riposi e festività soppresse da godere tassativamente per legge entro l'anno, pena la perdita del diritto. E in effetti il datore deve essere trasparente nell'invitare il dipendente a utilizzare delle ferie annuali retribuite avvisandolo, in tempo utile e in modo accurato, che i giorni andranno perduti se non saranno sfruttati nel periodo di riferimento o di riporto autorizzato. L'articolo 7 della direttiva 2003/88/Ce, tuttavia, non può essere interpretato nel senso di ritenere sussistente in capo l'obbligo al datore di disporre la fruizione: deve ritenersi legittimo sul piano costituzionale contemperare le opposte esigenze dell'amministrazione e dei dipendenti. Contro l'ispettrice pesa l'accordo quadro nazionale sulle forze di polizia, secondo cui il congedo ordinario va programmato e fruito nell'anno solare di riferimento, salvo indifferi bili esigenze di servizio. Nella specie il superiore invita la lavoratrice a fruire dei periodi dei relativi agli anni 2018 e 2019, ma l'interessata pretende di godere anche di quelli maturati per 2015, 2016 e 2017.
archiviato sotto:
« settembre 2020 »
settembre
lumamegivesado
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman