Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Gennaio / 28/01/2020 - Sì a una partecipazione-bis in società dello stesso settore 

28/01/2020 - Sì a una partecipazione-bis in società dello stesso settore 

tratto da Il Sole 24 Ore - 27 Gennaio 2020
Sì a una partecipazione-bis in società dello stesso settore 
di Harald Bonura, Davide Di Russo - Il Sole 24 Ore - 27 Gennaio 2020
L' obbligo di adottare un piano di razionalizzazione delle partecipazioni quando ricorrono una più fattispecie previste dall' articolo 20, comma 2 del Testo unico delle società partecipate (Dlgs 175/2016) ha carattere generale. Questo il principio sottolineato da un recente intervento della Corte dei conti Lombardia (413/2019/PAR), in risposta a un Comune detentore di partecipazione in consorzio avente funzioni di centrale unica di committenza e intenzionato ad acquisire quote in società consortile al fine esclusivo di affidare a quest' ultima analogo servizio, stante la ritenuta incapacità del consorzio di gestire il notevole surplus di gare previsto per l' anno entrante. La lettera c) dell' articolo 20, comma 2, del resto, è chiara nel precisare che l' obbligo di predisporre il piano scatta se la società partecipata svolge attività analoghe o similari a quelle svolte non solo da altre società partecipate ma anche da enti pubblici strumentali.
Più interessante è quanto affermato incidentalmente dalla delibera: richiamando l' insegnamento della Sezione Autonomie, la Corte lombarda ricorda che il processo di razionalizzazione è «il punto di sintesi di una valutazione complessiva della convenienza dell' ente territoriale a mantenere in essere partecipazioni societarie rispetto ad altre soluzioni». Di conseguenza la normativa riconosce all' amministrazione pubblica una sorta di potere discrezionale in ordine all' individuazione dello schema più adeguato allo svolgimento delle attività consentite in base all' articolo 4 del Testo unico delle partecipate.
Discrezionalità che, tuttavia, non può mai sconfinare nell' arbitrarietà, perché - nell' assolvimento degli obblighi motivazionali previsti dall' articolo 5 del Testo unico in occasione dell' acquisizione di partecipazioni societarie - l' amministrazione pubblica è chiamata a spiegare le ragioni che configurano la società come necessaria al perseguimento delle finalità istituzionali e le ragioni della scelta, sotto il profilo della convenienza economica, della sostenibilità finanziaria e delle modalità di gestione del servizio. Analoghi obblighi motivazionali ricorrono in sede di razionalizzazione, laddove le amministrazioni pubbliche - evidenzia il giudice contabile - «sono tenute a motivare espressamente sulla scelta effettuata (alienazione/razionalizzazione/fusione/mantenimento della partecipazione senza interventi)».
Dal che sembrerebbe poter discendere, quantomeno in astratto, un' importante corollario: la partecipazione in distinti organismi che svolgono attività analoghe impone sì l' adozione del piano, ma non implica automaticamente un provvedimento di razionalizzazione, in quanto l' amministrazione partecipante potrebbe ritenere, in via discrezionale (nel senso chiarito), che la migliore modalità di gestione dell' attività che accomuna gli organismi in questione sia la conservazione dello status quo e, quindi, il mantenimento della pluralità di partecipazioni «similari».
archiviato sotto:
« ottobre 2021 »
ottobre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman