Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Febbraio / 12/02/2020 - La giurisprudenza ribadisce la differenza tra giudizio sullo scioglimento del consiglio comunale e sull'incandidabilità degli amministratori

12/02/2020 - La giurisprudenza ribadisce la differenza tra giudizio sullo scioglimento del consiglio comunale e sull'incandidabilità degli amministratori

segnaliamo da lagazzettadeglientilocali.it
La giurisprudenza ribadisce la differenza tra giudizio sullo scioglimento del consiglio comunale e sull'incandidabilità degli amministratori
A. Scarsella (La Gazzetta degli Enti Locali 12/2/2020)
 
Con una recente sentenza il TAR Lazio, Sez. I, del 3 febbraio 2020, n. 1381 ha dichiarato l’inammissibilità del ricorso proposto da alcuni ex amministratori avverso il decreto di scioglimento del consiglio comunale. L’inammissibilità è argomentata sotto diversi profili. Di particolare interesse la parte della sentenza che si occupa del rapporto tra il giudizio avverso il decreto di scioglimento del consiglio comunale per condizionamento mafioso e quello di cui all’art. 143, comma 11, del TUEL, sulla incandidabilità degli amministratori. Il giudice amministrativo ribadisce che gli stessi sono giudizi autonomi aventi ad oggetto accertamenti distinti: il primo verte sulla legittimità del provvedimento di scioglimento del consiglio comunale e prescinde dall’accertamento di responsabilità di singoli soggetti; il secondo, riguardante gli amministratori responsabili delle condotte che hanno dato causa allo scioglimento, è giudizio che presuppone una valutazione delle singole posizioni e dei singoli comportamenti, e può concludersi con la dichiarazione di incandidabilità (TAR Lazio, n. 2327/2018, cit.).
archiviato sotto:
« febbraio 2020 »
febbraio
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman