Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Dicembre / 03/12/2020 Obbligo del deposito della somma a titolo di indennità di esproprio, ai sensi dell’art. 28 del testo unico delle espropriazioni

03/12/2020 Obbligo del deposito della somma a titolo di indennità di esproprio, ai sensi dell’art. 28 del testo unico delle espropriazioni

Tratto da Giustizia Amministrativa - Giustizia Amministrativa Cons. Stato, sez. IV, 24 novembre 2020, n. 7355 - Pres. Poli, Est. Carluccio

Espropriazione per pubblica utilità - Indennità di esproprio – Deposito della relativa somma – Necessità – Pagamento – Esclusione. 


     Il giudice ordinario – nel pronunciare sull’opposizione alla stima della indennità di espropriazione – dichiara l’obbligo del Comune a depositare presso il Ministero dell’economia e delle finanze (servizio gestione depositi) la somma dovuta a titolo di indennità di esproprio ma non può condannare la stessa Amministrazione al pagamento, perché, una volta determinata definitivamente l’indennità di esproprio, potrebbero residuare diritti di terzi su di essa; si configura, quindi, un obbligo di facere, consistente nel deposito, dovendosi evitare che l’Amministrazione, dopo il pagamento, sia esposta a ripetizioni di indebito, così richiedendo che il pagamento non sia effettuato sino a che ci siano contestazioni (1). 

(1) Ha chiarito la Sezione che così come il provvedimento finale della procedura di pagamento è attribuito all’autorità amministrativa quando non siano insorte questioni nel corso della procedura di svincolo e, quindi, sostanzialmente non emergano opposizioni di terzi che vantino diritti sul bene espropriato, allo stesso modo, in tale ipotesi la procedura di svincolo entra nel processo di ottemperanza al giudicato, con possibile ricorso al commissario ad acta anche per disporre l’ordine di pagamento. Qualora, invece, tali questioni inerenti opposizioni di terzi emergano, il giudizio di ottemperanza del giudice amministrativo si arresta, venendo in rilievo l’applicazione dell’art. 29 t.u. espropriazioni e la giurisdizione del giudice ordinario, trattandosi di controversia non inerente l’esercizio del potere amministrativo ma “questioni patrimoniali” ad esso connesse, sostanziate dalla pretesa del riconoscimento e del pagamento dell’indennità all’espropriato o a soggetto terzo; pretese azionabili con azioni di accertamento e eventuale condanna davanti al giudice ordinario. 

ALLEGATO CDS 7355:

archiviato sotto:
« ottobre 2022 »
ottobre
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman