Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2019 / Gennaio / 31/01/2019 - Anche il dipendente in part-time deve comunicare la propria attività extra, sia all’inizio del part-time, sia che inizi successivamente

31/01/2019 - Anche il dipendente in part-time deve comunicare la propria attività extra, sia all’inizio del part-time, sia che inizi successivamente

tratto da iusmanagement.org

Anche il dipendente in part-time deve comunicare la propria attività extra, sia all’inizio del part-time, sia che inizi successivamente

 

Corte di Cassazione, sentenza n. 429 del 10 gennaio 2019

Come già affermato da Cass., n. 3622 del 2018, l’applicazione della regola generale – secondo la quale dipendenti con rapporto part-time entro il 50% dell’orario ordinario possono svolgere un’altra attività lavorativa, sia come dipendenti (ma non con una Amministrazione pubblica), sia come lavoratori autonomi o professionisti (salvo il particolare regime vigente per gli avvocati), presuppone che: a) tali attività non comportino un conflitto di interessi con la specifica attività di servizio del dipendente, pregiudicando l’esercizio imparziale delle funzioni attribuite al dipendente; b) l’interessato comunichi tempestivamente all’Amministrazione di appartenenza il tipo di attività privata che intende svolgere (il che agevola il controllo in merito al conflitto di interessi)”.
Così ricostruito il quadro normativo di riferimento, si osserva che nella specie la sanzione disciplinare della sospensione dal servizio per giorni dieci veniva inflitta perché la Ventura aveva svolto, in costanza di rapporto di lavoro in regime di part-time, incarichi compatibili, in violazione dell’obbligo di comunicazione prescritto dall’art. 1, comma 58, della legge n. 662 del 1996. Dunque, sia che l’attività esterna inizi (o già sussista, qualora il rapporto di lavoro pubblico contrattualizzato nasca in regime di part-time) all’inizio del part-time, sia che inizi successivamente, il lavoratore è tenuto a darne comunicazione all’amministrazione. Dall’esame delle suddette disposizioni contrattuali, cui si aggiunge l’art. 4 del del d.P.R. n. 18 del 2002, risulta quindi che sussiste l’obbligo di comunicazione al momento dell’inizio del part- time, cui si aggiunge l’obbligo di cui al comma 7 cit. D’altro canto, Cass., n. 3622 di 2018, stabilisce che l’art. 4 del d.P.R. n. 18 del 2002, che fa salvo quanto previsto dalla normativa di legge e di contratto in materia di incompatibilità e di cumulo di impieghi, si applica anche ai dipendenti delle Agenzie fiscali con rapporto di lavoro part- time (pure al 50 per cento). Correttamente, quindi, la Corte d’Appello ha ritenuto che la mancata comunicazione delle attività compatibili da parte della lavoratrice in regime di part – time dava luogo a responsabilità disciplinare.

« gennaio 2022 »
gennaio
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman