26/10/2023 – Appalti digitali dal 1° gennaio 2024, si rafforza la collaborazione tra Anac e Consip

La collaborazione istituzionale di Consip con l’Autorità Nazionale AntiCorruzione (ANAC) cresce e si rafforza con l’obiettivo di contribuire – ognuno in virtù della propria missione istituzionale – al consolidamento di un sistema nazionale di procurement pubblico sempre più trasparente, efficiente e innovativo.

Da un lato, Anac, l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici e di prevenzione della corruzione, che gestisce la Banca dati degli Appalti, fulcro dell’ecosistema nazionale di approvvigionamento digitale (e-procurement) e quindi della digitalizzazione dell’intero sistema degli acquisti di lavori, servizi e forniture da parte delle pubbliche amministrazioni. Dall’altro, Consip, centro di eccellenza nazionale nel procurement, che attua in sinergia con il Ministero dell’Economia e Finanze i più rilevanti programmi di riqualificazione, efficienza e innovazione della spesa pubblica del Paese.

Consip – principale centrale di acquisto nazionale –gestisce ogni anno circa 24 miliardi di euro di acquisti delle amministrazioni pubbliche, corrispondenti a oltre 1% del PIL italiano, con oltre 500.000 contratti stipulati tra 140.000 imprese e 13.500 amministrazioni, numeri che definiscono l’importanza del ruolo nel sistema di procurement del Paese.

Anac – nell’ambito delle proprie competenze di autorità di vigilanza sui contratti pubblici – affianca “concretamente” Consip attraverso la vigilanza collaborativa sulle gare più rilevanti (es. servizi museali, eventi G7), verificando previamente i principali atti di gara, oltre che predisponendoi bandi-tipo e gli atti-tipo sulle merceologie più “sensibili”attraverso un dialogo continuo ed aperto.

Entrambe, nei rispettivi ruoli e responsabilità, stanno lavorando insieme in stretto raccordo sul complesso progetto di semplificazione e digitalizzazione end-to-end degli appalti pubblici: uno dei pilastri del nuovo Codice dei contratti pubblici operativo dal 1° luglio 2023 – e tra gli obiettivi più rilevanti del PNRR.

Tra gli ambiti di nuova sinergia vi sono: studio di potenziali applicazioni di Intelligenza Artificiale negli appalti pubblici, rafforzamento della innovazione e sostenibilità nelle gare, incremento della inclusione e partecipazione delle Pmi negli appalti, strumenti di controllo per la fase di esecuzione contrattuale soprattutto nella direzione della sicurezza nazionale.

La collaborazione istituzionale tra Consip e Anac rappresenta un elemento fondamentale per il sistema di procurement nazionale e la crescita dell’intero Paese, un’intesa sancita anche recentemente in un incontro di lavoro, presso la sede Anac, tra l’Amministratore Delegato di Consip, Marco Mizzau, e il Presidente di Anac, Giuseppe Busia, con le rispettive strutture.

 

 

 

 

Torna in alto