20/03/2023 – Contrassegno Unificato Disabili Europeo (CUDE): nota ANCI e lettera con richiesta adesione

Avviata la Banca dati unica per la mobilità delle persone con disabilità sul territorio nazionale

Un cittadino titolare di CUDE rilasciato in uno dei Comuni aderenti potrà spostarsi con l’automobile in un altro Comune senza dover preventivamente richiedere l’autorizzazione per l’ingresso nelle aree a traffico limitato o l’utilizzo dei parcheggi riservati.

Con decreto del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili del 5 luglio 2021, in attuazione della Legge 145/2018, è stata istituita la banca dati unica per coordinare la mobilità delle persone con disabilità su tutto il territorio nazionale. (clicca qui per il testo del decreto).

Si tratta di una soluzione innovativa che semplifica la mobilità tra Comuni diversi per le persone portatori di disabilità, denominata Piattaforma unica nazionale informatica per le targhe associate al CUDE (Contrassegno Unificato Disabili Europeo) realizzata presso il presso il CED Motorizzazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Grazie alla piattaforma, un cittadino titolare di CUDE rilasciato in uno dei Comuni aderenti potrà spostarsi con l’automobile in un altro Comune senza dover preventivamente richiedere l’autorizzazione per l’ingresso nelle aree a traffico limitato o l’utilizzo dei parcheggi riservati.

La piattaforma è stata attivata in via sperimentale in alcuni Comuni italiani dal 23 maggio 2022 e sono stati emessi i codici univoci per ciascun utente che ne abbia fatto richiesta.

Si è ora nella fase di implementazione, per l’adesione e l’utilizzo della piattaforma a copertura di tutti i Comuni italiani.

I Comuni che intendono aderire possono far riferimento alla documentazione di seguito:

 

LETTERA AI COMUNI ITALIANI A FIRMA DEL PRESIDENTE DECARO PER ADESIONE E UTILIZZO PIATTAFORMA CUDE

NOTA ILLUSTRATIVA ANCI su CUDE

PIATTAFORMA CUDE – INFO OPERATIVE PER I COMUNI

NOTIZIA AVVIO PIATTAFORMA CUDE

NOTIZIA AVVIO SPERIMENTAZIONE CUDE

Torna in alto