Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 14/06/2019 - Ma davvero qualcuno crede che la priorità delle Pubbliche Amministrazioni sia il controllo della presenza?

14/06/2019 - Ma davvero qualcuno crede che la priorità delle Pubbliche Amministrazioni sia il controllo della presenza?

una nota di Santo Fabiano tratta da FB

Ma davvero qualcuno crede che la priorità delle Pubbliche Amministrazioni sia il controllo della presenza?

di Santo Fabiano
Ma davvero qualcuno crede che la priorità delle Pubbliche Amministrazioni sia il controllo della presenza, al punto da destinarvi risorse e piani di investimento per apparecchiature invasive della riservatezza?
Da dirigente e direttore generale ho sempre saputo chi era presente in ufficio e che cosa facesse.
Mi dispiace questa vulgata che presenta la P.A. come un lager, il lavoro pubblico come una costrizione involontaria e i dipendenti pubblici come una banda di truffatori.
Non so chi frequentano gli autori di questa norma, ma ho la prova di centinaia di pubbliche amministrazioni, in periferia, dove la gente va al lavoro con passione, nonostante vincoli e ostacoli burocratici (di provenienza ministeriale), è puntuale e presente e non riesce a trovare il tempo per assentarsi. Anzi, in diversi casi è costretta ad assicurare la presenza al di fuori dell'orario di servizio, senza alcuna remunerazione.
Questa enfatizzazione del controllo sulla "presenza fisica" è l'esito della miopia dei "misuratori" che confondono l'attività lavorativa con la presenza in servizio e banalizzano la prestazione lavorativa pretendendo di "oggettivizzarla"
Conosco amministrazioni centrali che al loro interno, dopo avere regolarmente timbrato, offrono tentazioni irresistibili come bar, tabaccai, banche, uffici postali, barbieri, parrucchieri, supermercati, ecc.... 
In quegli uffici i controlli, con le impronte digitali e il dna, vengono effettuati all'ingresso del palazzo e i dipendenti possono liberamente fare shopping, barba e capelli, acconciature, conti correnti, depositi bancari, risultato regolarmente presenti e "digitalizzati"...... è come se in un Comune i tornelli fossero installati all'ingresso della città.
Ancora una volta si è persa un'occasione per manifestare "buon senso"
Mi domando: ma chi consiglia queste iniziative ha idea delle pubbliche amministrazioni? E del danno che fa proponendole?
archiviato sotto: ,
« giugno 2019 »
giugno
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman