Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 12/10/2018 - Comune tenuto a risarcire il bimbo ferito dal petardo inesploso alla festa patronale

12/10/2018 - Comune tenuto a risarcire il bimbo ferito dal petardo inesploso alla festa patronale

segnaliamo un articolo da quotidianoentilocali.ilsole24ore.com

Comune tenuto a risarcire il bimbo ferito dal petardo inesploso alla festa patronale

di Paola Rossi

 

"Lo scoppio di un petardo nelle mani di un bambino che lo raccoglie da terra - dopo lo svolgimento della festa patronale - determina la responsabilità del Comune, della ditta che ha gestito i fuochi d'artificio e del ministero dell'Interno. Responsabili in solido del risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali: l'ente locale in qualità di custode della strada (articolo 20151 del Codice civile), l'impresa 'artificiera' per lo svolgimento di attività pericolosa (articolo 2050) e il ministero per la responsabilità aquiliana (articolo 2043) determinata dall'autorizzazione concessa dal sindaco all'accensione dei fuochi per i festeggiamenti del santo patrono del paese. Inoltre, la sentenza di ieri n. 23453 della Cassazione conferma quella di appello dove non riconosce il danno patrimoniale (perché non provato) da perdita della capacità lavorativa specifica del minore, ma solo quello biologico, cioè non patrimoniale."

archiviato sotto:
« dicembre 2021 »
dicembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman