Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 12/09/2019 - Non vedente privo di patente di guida: ha diritto al posto auto personalizzato

12/09/2019 - Non vedente privo di patente di guida: ha diritto al posto auto personalizzato

tratto da altalex.com
Non vedente privo di patente di guida: ha diritto al posto auto personalizzato
Il Tar Lazio con sentenza n. 9556/2019 accoglie il ricorso formulato da un disabile annullando il provvedimento impugnato
Di Laura Biarella - Professionista - Avvocato
Pubblicato il 11/09/2019
Il parcheggio personalizzato nei pressi della propria abitazione spetta anche al disabile privo di patente di guida.
Lo ha stabilito il Tar Lazio-Roma, sez. II, con la sentenza 18 luglio 2019, n. 9556 (testo in calce).
Sommario
La vicenda
Nel 2006 un uomo non vedente, presentava richiesta, al Corpo di Polizia Municipale, di un posto auto riservato a disabile.
Seguiva la Determinazione Dirigenziale che istituiva, nei pressi dell’abitazione dell’uomo, un’area riservata alla sosta di un autoveicolo al servizio di persona disabile a tempo indeterminato.
In seguito, l’uomo richiedeva la personalizzazione del medesimo posto auto.
L’istanza veniva negata per mancanza dei requisiti richiesti dalla disciplina regolante la materia (art. 381 DPR 495/1992 punto 5, così come modificato dal DPR 610 del 16.09.1996).
La questione approdava al TAR.
 
L’ordinanza cautelare
In prima battuta il giudice amministrativo ha accolto l’istanza interinale e sospeso il provvedimento impugnato, precisando che, secondo la normativa applicabile alla fattispecie, l’unica condizione legittimante l’assegnazione dello spazio di sosta in questione, fosse la particolare condizione di invalidità dell’uomo, collocandosi il possesso da parte dello stesso, dell’abilitazione alla guida come requisito solo “eventuale” della fattispecie, sia pur ordinariamente riconosciuto sussistente.
Il requisito del possesso della patente di guida
Il Tar, nell’accogliere il ricorso formulato dall’uomo, così annullando il provvedimento impugnato, ha evidenziato che l’organo di polizia comunale aveva rigettato la richiesta del ricorrente nell’erronea convinzione che la personalizzazione della sosta, per le persone invalide, fosse riservata solamente a quelle in possesso della patente di guida.
La disciplina in materia di personalizzazione dei parcheggi
Dalla disamina delle previsioni normative (artt. 188 d.lgs 285/1992, 381 DPR n. 495/1992 e 28 della Legge n. 104/1992) è emerso che la personalizzazione dei parcheggi è riservata alle persone con disabilità a prescindere dal possesso del titolo di guida.
Il diniego discriminatorio
Nel caso di specie il ricorrente è non vedente, per cui il richiesto requisito del possesso della patente di guida, come condizione per il rilascio della concessione personalizzata, è risultato illogico e contraddittorio, come pure discriminatorio, comportando una situazione di disparità di trattamento tra le persone disabili, non giustificata, né prevista da normativa alcuna.
« settembre 2019 »
settembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman