Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 12/07/2019 - gli acquerelli di Enrico Antonio Camerere

12/07/2019 - gli acquerelli di Enrico Antonio Camerere

da "Barricate" di Enrico A. e Roberto Cameriere

 

"Una curva a gomito seguiva il fianco scosceso della montagna. Muri a secco chiudevano il margine destro della strada. Sopra, su un fianco della collina, sterpi e piante di fichi d’India. Si vedevano i frutti rossi e maturi che pendevano dalle spinose pale verdi. A sinistra un guardrail e giù una scogliera dove s’infrangevano delle onde che producevano una schiuma bianca. Il mare era di un blu così intenso che sembrava non ci fosse fondo. Per aria un odore selvaggio, quasi primordiale. La rocca di Scilla si ficcava nello stretto, come le dita di una mano verso l’amata. Il tempo era fermo, immobile. Nel cielo galleggiavano esili nubi, sembravano non avessero intenzione di spostarsi di lì. Il sole era caldo, lo si sentiva secco e implacabile sulla pelle. ...

L’odore diventò pungente, acidulo, arrivò una ventata di mare che portò con sé la rappresentazione di conchiglie, alghe e pesci di profondità. Il gruppo di turisti si compattò e seguì ordinatamente l’uomo. La stradina si piegò un poco sulla destra e lo sfondo s’illuminò, mostrando sca glie d’argento in movimento, come un volo d’uccelli. Le onde sembravano volessero sbattere sul selciato, per renderlo ancora più nero e lucido. Ritmicamente l’acqua urtava sugli scogli neri, si sollevava una nube biancastra e profumata e si vaporizzava nel nulla. Il mare si era mostrato all’improvviso, con una pienezza e un effetto scenico da mozzare il fiato. Sulla destra la rocca del castello che guardava verso il basso come la testa di un’aquila. Di fronte una lingua di terra, dopo lo specchio d’acqua. "  

Da "Barricate" di Enrico A. e Roberto Cameriere, Oakmond edizioni.

archiviato sotto:
« ottobre 2019 »
ottobre
lumamegivesado
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman