Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 09/11/2018 - Pagamento dei servizi di Polizia Locale per eventi privati: le regole

09/11/2018 - Pagamento dei servizi di Polizia Locale per eventi privati: le regole

tratto da lentepubblica.it

Pagamento dei servizi di Polizia Locale per eventi privati: le regole

Pubblicato da lentepubblica.it il 6 novembre 2018

Pagamento dei servizi di Polizia Locale per eventi privati: la Corte dei conti dell’Emilia Romagna, con la deliberazione n. 123/2018 ne ha chiarito la corretta applicazione.


La Corte dei conti dell’Emilia Romagna, con la deliberazione n. 123/2018 ha chiarito la corretta applicazione dell’articolo 22, comma 3-bis, del Dl 50/2017, concernente l’obbligo per il privato di pagare i servizi di viabilità dovuti a un evento organizzato e promosso privatamente.

In sostanza è l’assenza di un qualsiasi interesse pubblico, e non lo scopo di lucro o altro, a rendere private le diversificate tipologie di possibile considerazione per l’applicazione della disposizione: un servizio di viabilità per un funerale (che peraltro, insieme alle processioni è disciplinato direttamente dal T.u.l.p.s. in quanto pubblica riunione) non viene eseguito certo nell’interesse dei familiari dello scomparso bensì nell’interesse generale dei cittadini a prevenire e così evitare ingorghi stradali.

Insomma, questa matrice di lettura della norma permette di ricomprendere, in maniera unitaria e sistemica, tutte le condivisibili ipotesi di esclusione poi formulate dai Comuni remittenti che, a ben vedere, riproducono molte delle esclusioni già applicate a margine della disciplina riguardante le prestazioni a pagamento rese dalla polizia locale a favore di terzi, ai sensi dell’art. 43, comma 3 e 4 della legge 27 dicembre 1997, n. 449 precedentemente esaminato.

Le modalità di pagamento, invece, sono le seguenti:

  • le ore di servizio aggiuntivo del personale, rese al di fuori dell’orario ordinario di lavoro, per le esigenze conseguenti all’ art. 22, comma 3-bis vadano remunerate con un compenso di ammontare pari a quelli previsti per il lavoro straordinario dal tutt’ora vigente art. 38, comma 5 del C.C.N.L. del 14 settembre 2000;
  • e richiamate ore di servizio aggiuntivo siano rese di domenica o nel giorno del riposo settimanale al personale venga riconosciuto, altresì, un riposo compensativo di durata esattamente corrispondente a quello della prestazione lavorativa resa;
  • gli oneri derivanti da ambedue le statuizioni siano finanziati esclusivamente con le risorse a tal fine destinata, nell’ambito delle somme versate complessivamente dai soggetti organizzatori o promotori delle attività o delle iniziative, secondo le disposizioni regolamentari adottate in materia da ciascun ente.

Ne consegue che, nel disciplinare la materia, risulti opportuno considerare sin d’ora il differente costo orario, nel caso le prestazioni vengano prestate in eccedenza all’ordinario orario di lavoro.

In allegato il testo completo della deliberazione.

Fonte: Corte dei Conti Emilia Romagna

archiviato sotto: ,
« agosto 2020 »
agosto
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman