Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 07/11/2019 - Danno erariale, lo shopping compulsivo non salva l'economo infedele

07/11/2019 - Danno erariale, lo shopping compulsivo non salva l'economo infedele

segnaliamo da quotidianoentilocali.ilsole24ore.com
Danno erariale, lo shopping compulsivo non salva l'economo infedele
di Vincenzo Giannotti
La presenza di una grave alterazione mentale che sia tale da determinarne una incapacità di intendere e volere al momento dell'azione, può costituire una forte esimente del dipendente infedele che si sia appropriato indebitamente delle somme avute a disposizione dalla propria amministrazione, ai fini della colpa grave previste per il danno erariale. Il disturbo da dipendenza da shopping, pur rientrando nel più ampio genere delle dipendenze, come quelle da sostanze o da gioco d'azzardo, per quanto grave e invalidante, non è in grado tuttavia di compromettere la capacità di intendere e volere, con la conseguenza che l'appropriazione indebita del denaro avuto a disposizione costituisce danno erariale. Sono queste le conclusioni cui è pervenuta la Corte dei conti della Toscana (sentenza n. 389/2019) che ha condannato per danno erariale l'economa di un'amministrazione pubblica che aveva sottratto somme avute a propria disposizione per propri fini personali.
archiviato sotto:
« novembre 2019 »
novembre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman