Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 04/12/2019 - Concorsi pubblici, il mancato rispetto della quota di riserva rende nullo il rapporto di lavoro

04/12/2019 - Concorsi pubblici, il mancato rispetto della quota di riserva rende nullo il rapporto di lavoro

segnaliamo da quotidianoentilocali.ilsole24ore.com
Concorsi pubblici, il mancato rispetto della quota di riserva rende nullo il rapporto di lavoro
di Guidi Befani
Il mancato rispetto delle quote di riserva, imposte per legge, rende invalida la graduatoria dei vincitori che di dette quote non abbia tenuto conto e determina la nullità del contratto di lavoro stipulato con un aspirante all'assunzione non ricompreso nella categoria protetta nei casi in cui il posto di lavoro doveva essere assegnato ad un riservatario. È quanto afferma la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 26216/2019.
 
 
***********
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE LAVORO
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. NAPOLETANO Giuseppe - Presidente
Dott. TORRICE Amelia - Consigliere
Dott. TRIA Lucia - Consigliere
Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa - Consigliere
Dott. MAROTTA Caterina - rel. Consigliere
ha pronunciato la seguente:
SENTENZA
sul ricorso 22165-2018 proposto da:
(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall'avvocato (OMISSIS);
- ricorrente -
contro
(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore, domiciliato in ROMA PIAZZA CAVOUR presso LA CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall'avvocato (OMISSIS);
- controricorrente -
avverso la sentenza n. 472/2018 della CORTE D'APPELLO di MESSINA, depositata il 31/05/2018 R.G.N. 131/2018;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 23/05/2019 dal Consigliere Dott. CATERINA MAROTTA;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CIMMINO Alessandro, che ha concluso per il rigetto del ricorso.
FATTI DI CAUSA
1. La Corte d'appello di Messina ha respinto il reclamo di (OMISSIS) avverso la sentenza del Tribunale della stessa sede che, all'esito del giudizio di opposizione L. n. 92 del 2012, ex articolo 1, aveva confermato l'ordinanza resa nella fase sommaria e rigettato la domanda, proposta nei confronti del (OMISSIS), volta ad ottenere la disapplicazione o, comunque, l'accertamento della nullita', invalidita' o inefficacia del provvedimento comunicato il 14 novembre 2014, con il quale era stata disposta la cessazione immediata del rapporto di lavoro, e la conseguente condanna del Consorzio alla reintegrazione ed al risarcimento del danno.
2. La Corte territoriale ha premesso in punto di fatto che il (OMISSIS) aveva concluso il contratto di lavoro in forza della deliberazione del 12 maggio 2005, che prevedeva l'assunzione di 49 agenti tecnici esattori (ATE), individuati secondo l'ordine della graduatoria definitiva formata all'esito delle operazioni concorsuali. Con sentenza n. 301 del 25 gennaio 2008 il Tribunale di Messina aveva riconosciuto il diritto all'assunzione di 24 riservatari, i quali avevano agito in giudizio, promosso anche nei confronti del (OMISSIS) e di altri controinteressati, lamentando la lesione della quota di riserva prevista in favore degli "articolisti" e degli LSU. Il Consorzio, con Delib. del 27 maggio 2008, aveva inizialmente differito al passaggio in giudicato della sentenza ogni decisione sulla sorte dei rapporti gia' in corso ed aveva mantenuto in servizio i lavoratori originariamente assunti. A seguito della pubblicazione della sentenza della Corte d'Appello di Messina n. 350 del 2012, che aveva rigettato i gravami proposti avverso la decisione di primo grado, l'ente aveva adottato il 13 novembre 2014 una nuova deliberazione, con la quale aveva ritenuto i rapporti affetti da nullita', perche' i contratti erano stati stipulati con soggetti privi dei requisiti necessari per l'instaurazione del rapporto di impiego.
3. In punto di diritto la Corte territoriale ha osservato che la sentenza n. 301/2008 non si era limitata a disapplicare la Delib. n. 49 del 2005, ma aveva anche riconosciuto il diritto dei riservatari ad essere assunti in luogo dei soggetti dichiarati vincitori e, quindi, aveva in tal modo affermato l'insussistenza di un diritto soggettivo all'assunzione dei lavoratori dichiarati vincitori in violazione delle norme sulla riserva. Ha precisato che la sentenza, nelle more del giudizio, era passata in giudicato, a seguito del rigetto del ricorso per cassazione proposto avverso la decisione d'appello, ed ha aggiunto che, comunque, non era necessario attenderne la definitivita', perche', ai sensi del Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articolo 63, il giudice ordinario puo' pronunciare nei confronti della Pubblica Amministrazione sentenze di condanna anche in relazione ad obblighi di facere ed in tal caso la decisione e' immediatamente esecutiva.
4. La Corte messinese ha rilevato, inoltre, che nell'impiego pubblico contrattualizzato la violazione di disposizioni imperative riguardanti l'assunzione o l'impiego di lavoratori determina, ai sensi del Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articolo 36, la nullita' del rapporto di lavoro instaurato in contrasto con norme inderogabili, sicche', nella specie, il personale assunto sulla base di graduatoria illegittima, perche' stilata senza tener conto della quota di riserva, non poteva essere mantenuto in servizio. La scelta del Consorzio di differire ogni decisione al momento del passaggio in giudicato della sentenza perseguiva la finalita' di evitare pretese risarcitorie in caso di riforma della decisione, ma sulla stessa il reclamante non poteva fondare la pretesa di rimanere in servizio, in quanto l'assunzione riguardava solo 49 unita' lavorative e la natura pubblica dell'ente impediva di procedere all'instaurazione di ulteriori rapporti, senza un apposito provvedimento dell'organo competente, debitamente autorizzato con il correlativo impegno di spesa.
5. Infine il giudice d'appello ha osservato che la cessazione del rapporto era stata correttamente disposta dal Direttore Generale, trattandosi di un atto di gestione di competenza del dirigente, ed ha evidenziato che il reclamante a torto aveva invocato le disposizioni del regolamento interno del Consorzio, sia perche' la fonte regolamentare aveva attribuito al Consiglio Direttivo la sola competenza a stabilire "le direttive per l'assunzione del personale", sia perche', in ogni caso, occorreva dare prevalenza alle regole dettate dal legislatore nazionale e regionale.
6. Per la cassazione della sentenza (OMISSIS) sulla base di sette motivi, illustrati da memoria, ai quali ha opposto difese il (OMISSIS), che ha notificato controricorso.
RAGIONI DELLA DECISIONE
1. Con il primo motivo il ricorrente denuncia "violazione e falsa applicazione dell'articolo 2908 c.c. e del Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articolo 63" e rileva, in sintesi, che il Consorzio non poteva dare esecuzione alla sentenza n. 301/2008 prima del suo passaggio in giudicato, in quanto l'anticipazione in via provvisoria non e' consentita rispetto a pronunce costitutive, le quali possono produrre effetto stabile solo dopo aver acquisito definitivita'.
2. La seconda censura, formulata sempre ai sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 3, addebita alla sentenza gravata la "violazione e falsa applicazione del Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articoli 36 e 63 e dell'articolo 112 c.p.c.". Sostiene il (OMISSIS) che l'effetto estintivo del rapporto di lavoro si puo' produrre solo a seguito di una pronuncia giudiziale che accerti la violazione delle regole sostanziali o procedurali sulle assunzioni e che conseguentemente annulli il contratto stipulato in violazione di legge. Nel caso di specie, invece, le domande proposte nel giudizio concluso con la sentenza n. 301/2008 avevano ad oggetto il solo diritto all'assunzione dei riservatari e non riguardavano i contratti in corso con i lavoratori assunti nel 2005.
3. Con la terza critica il ricorrente si duole della "violazione e falsa applicazione dell'articolo 113 Cost., articoli 101 e 112 c.p.c., della L. n. 2248 del 1865, articoli 4 e 5" e sostiene che la domanda di disapplicazione dell'atto amministrativo produce effetti solo nei confronti di chi l'ha proposta con la conseguenza che l'atto, se non revocato o modificato dall'autorita' amministrativa, continua ad essere esistente ed efficace. Nel caso di specie, pertanto, non avendo il Consorzio annullato la graduatoria, nessun effetto sfavorevole poteva discendere in capo al (OMISSIS) dalla sentenza del Tribunale di Messina, sia perche' quest'ultima non era passata in giudicato, sia in quanto in quel giudizio si discuteva solo dell'assunzione dei riservisti e non anche della nullita' del rapporto di lavoro.
4. Con il quarto motivo e' denunciata la violazione e falsa applicazione degli articoli 2908 e 2909 c.c. nonche' dell'articolo 282 c.p.c.. Il ricorrente insiste nel sostenere che solo al momento del passaggio in giudicato la sentenza fa stato tra le parti ed i loro aventi causa. Ribadisce, poi, che il contratto di lavoro, stipulato nel rispetto dei criteri stabiliti per l'accesso al pubblico impiego, deve essere annullato, eventualmente, dall'autorita' giudiziaria e cio' anche nel caso in cui venga in rilievo la violazione di una norma imperativa.
5. La quinta critica addebita alla sentenza impugnata la "violazione e falsa applicazione della L. n. 241 del 1990, articolo 7 e della Legge Regionale n. 10 del 1991, articolo 8" perche' il recesso andava qualificato atto di autotutela e, pertanto, poteva essere esercitato solo nel rispetto della procedura disciplinata dalle leggi richiamate in rubrica.
6. Il sesto motivo, nel denunciare ex articolo 360 c.p.c., n. 5 la violazione e falsa applicazione della L. n. 604 del 1966, articolo 7, L. n. 223 del 1991, articolo 4 e articolo 37 c.c.n.l. per il personale dipendente delle societa' e consorzi concessionari di autostrade e trafori, addebita alla Corte territoriale di non avere pronunciato sul motivo di reclamo con il quale era stato dedotto che il recesso puo' attuarsi unicamente nella duplice forma del licenziamento intimato dal datore di lavoro ovvero delle dimissioni rassegnate dal lavoratore e, pertanto, nessun effetto poteva spiegare la violazione della norma imperativa.
7. Infine con l'ultima censura il ricorrente si duole della violazione e falsa applicazione degli articoli 2118, 1372 e 1373 c.c. e rileva che il Consorzio aveva mostrato un preciso interesse al mantenimento in servizio dei 24 assunti nell'anno 2005 disposto al fine di sopperire alla carenza di personale. Aggiunge che la Corte territoriale, nel sostenere che il rapporto di pubblico impiego non si puo' costituire in forza di un comportamento concludente, non ha considerato che il principio non e' applicabile nella fattispecie, nella quale la prestazione e' stata resa sulla base di un contratto di lavoro di diritto privato stipulato all'esito dell'approvazione di una graduatoria mai annullata.
8. Il ricorso non puo' trovare accoglimento.
Dalla sintesi dei motivi riportata nei punti che precedono si desume che tutte le censure fanno leva, da un lato, sull'interpretazione della sentenza del Tribunale di Messina n. 301 del 25 gennaio 2008 che, a detta del ricorrente, si sarebbe limitata a riconoscere il diritto all'assunzione dei riservisti, senza statuire sulla sorte dei rapporti di lavoro instaurati con i soggetti dichiarati vincitori; dall'altro sulla natura del vizio contrattuale che deriva dall'illegittimita' delle operazioni concorsuali, non sufficiente, ad avviso del (OMISSIS), a determinare l'estinzione del rapporto, in assenza di una pronuncia giudiziale di annullamento del contratto.
8.1. Le doglianze con le quali si addebita al giudice d'appello di non avere colto i limiti oggettivi e soggettivi del precedente giudicato non possono essere scrutinate nel merito, perche' formulate senza il necessario rispetto degli oneri di specificazione e di allegazione di cui all'articolo 366 c.p.c., n. 6 e articolo 369 c.p.c., n. 4.
La giurisprudenza di questa Corte e' consolidata nel ritenere che il potere del giudice di legittimita' d'interpretare il giudicato esterno, direttamente e con cognizione piena, puo' essere esercitato solo qualora il ricorso per cassazione riporti il contenuto della decisione, con richiamo congiunto della motivazione e del dispositivo, atteso che il solo dispositivo non puo' essere sufficiente alla comprensione del comando giudiziale (Cass. n. 5508/2018; Cass. n. 10537/2010; Cass. n. 6184/2009).
E' stato anche affermato, ed al principio il Collegio intende dare continuita', che allorquando, come nella fattispecie, si controverta dell'esistenza, della negazione o dell'interpretazione di un giudicato esterno, la sentenza prodotta per dimostrare o per negare l'esistenza del giudicato stesso, rilevante ai fini della decisione, assume rispetto al giudizio la natura di una produzione documentale ed alla stessa, quindi, si estendono i requisiti di ammissibilita' e di procedibilita' imposti dalle norme sopra richiamate (Cass. n. 21560/2011).
Nel caso di specie il ricorrente ha omesso di trascrivere, quantomeno nelle parti essenziali, il contenuto della sentenza n. 301/2008, a suo dire erroneamente interpretata dalla Corte territoriale, ed ha anche omesso di fornire indicazioni in merito ai tempi ed ai modi della produzione del documento, non depositato unitamente al ricorso.
Sono pertanto inammissibili i primi quattro motivi.
9. Le ulteriori censure, da esaminare congiuntamente in considerazione della loro connessione logico-giuridica, sono infondate per le ragioni gia' esposte da questa Corte con l'ordinanza n. 11951/2019, pronunciata in fattispecie sovrapponibile a quella oggetto di causa, con la quale si e' affermato che "nell'impiego pubblico contrattualizzato, poiche' alla stipula del contratto di lavoro si puo' pervenire solo a seguito del corretto espletamento delle procedure concorsuali previste dal Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articolo 35, comma 1, lettera a) o, per le qualifiche meno elevate, nel rispetto delle modalita' di avviamento di cui al combinato disposto del richiamato articolo 35, comma 1, lettera b) e del Decreto del Presidente della Repubblica n. 487 del 1994, articoli 23 e ss., la mancanza o l'illegittimita' delle richiamate procedure si traduce in un vizio genetico del contratto, affetto, pertanto, da nullita', che l'amministrazione, in quanto tenuta a conformare il proprio comportamento al rispetto delle norme inderogabili di legge, puo' fare unilateralmente valere, perche' anche nei rapporti di diritto privato il contraente puo' rifiutare l'esecuzione del contratto nei casi in cui il vizio renda il negozio assolutamente improduttivo di effetti giuridici. Il mancato rispetto delle quote di riserva, imposte per legge, rende invalida la graduatoria dei vincitori che di dette quote non abbia tenuto conto e determina la nullita' del contratto di lavoro stipulato con un aspirante all'assunzione non ricompreso nella categoria protetta nei casi in cui il posto di lavoro doveva essere assegnato ad un riservatario".
9.1. Il principio di diritto e' stato affermato in continuita' con un orientamento gia' espresso da questa Corte, la quale da tempo ha evidenziato che l'atto con il quale l'amministrazione revochi un'assunzione o un incarico a seguito dell'annullamento della procedura concorsuale o dell'inosservanza dell'ordine di graduatoria "equivale alla condotta del contraente che non osservi il contratto stipulato ritenendolo inefficace perche' affetto da nullita', trattandosi di un comportamento con cui si fa valere l'assenza di un vincolo contrattuale" (Cass. nn. 8328/2010, 19626/2015, 13800/2017, 7054/2018, 194/2019).
9.2. In ordine al rapporto fra procedura concorsuale e contratto di impiego si e' evidenziato che gli atti principali della procedura presentano una duplicita' di natura giuridica, poiche' il bando e la graduatoria finale, pur inserendosi nell'ambito del procedimento di evidenza pubblica, hanno anche la natura sostanziale, rispettivamente, di proposta al pubblico e di atto di individuazione del futuro contraente (Cass., Sez. Un., 16 aprile 2007, n. 8951; Cass., Sez. Un., 26 febbraio 2010, n. 4648; Cass., Sez. Un., 2 ottobre 2012, n. 16728). Da cio' si e' tratta la conseguenza che la procedura concorsuale costituisce l'atto presupposto del contratto individuale, del quale condiziona la validita', sicche', sia l'assenza sia l'illegittimita' delle operazioni concorsuali si risolvono nella violazione della norma inderogabile dettata dal Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articolo 35, attuativo del principio costituzionale affermato dall'articolo 97, comma 4, della Carta fondamentale (Cass. n. 13884/2016).
9.3. Il Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articolo 36 ha sempre previsto, nelle diverse versioni succedutesi nel tempo, che "in ogni caso la violazione di disposizioni imperative riguardanti l'assunzione o l'impiego di lavoratori da parte delle pubbliche amministrazioni non puo' comportare la costituzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato con le medesime pubbliche amministrazioni" e la norma, per come formulata, ha una portata generale che va oltre il piu' ristretto ambito di applicazione indicato dalla rubrica dell'articolo ed e' idonea ad attrarre nella sfera della nullita' anche il mancato rispetto delle procedure imposte per le assunzioni a tempo indeterminato dall'articolo 35 del decreto. Non a caso la disposizione ricalca esattamente la formulazione del Decreto Legislativo n. 29 del 1993, articolo 36, comma 8, come modificato dal Decreto Legislativo n. 80 del 1998, articolo 22, che disciplinava tutte le forme di reclutamento del personale, anche le assunzioni a tempo indeterminato, e non a caso il legislatore, ogniqualvolta ha qualificato il vizio del rapporto di impiego derivato dalla violazione delle norme inderogabili che disciplinano forme e requisiti per l'assunzione, si e' espresso per la nullita' della nomina o del vincolo contrattuale (Decreto del Presidente della Repubblica n. 3 del 1957, articolo 3; L. n. 448 del 2001, articolo 19, L. n. 111 del 2011, articolo 15), nullita' che e' stata ravvisata anche in presenza di operazioni concorsuali espletate in forza di norma di legge dichiarata poi incostituzionale (L. n. 111 del 2011, articolo 16).
9.4. Quanto alla qualificazione del vizio assume, poi, specifico rilievo il principio di diritto affermato dalle Sezioni Unite di questa Corte le quali, nell'individuare i casi in cui la violazione di norme inderogabili rende nullo il contratto ai sensi dell'articolo 1418 c.c., comma 1, pur ribadendo la tradizionale distinzione tra norme di comportamento dei contraenti e norme di validita' del contratto, hanno precisato che a quest'ultima tipologia vanno attratte non solo quelle disposizioni che si riferiscono alla struttura ed al contenuto del regolamento negoziale ma anche quelle che "in assoluto, oppure in presenza o in difetto di determinate condizioni oggettive o soggettive, direttamente o indirettamente, vietano la stipulazione stessa del contratto: come e' il caso dei contratti conclusi in assenza di una particolare autorizzazione al riguardo richiesta dalla legge, o in mancanza dell'iscrizione di uno dei contraenti in albi o registri cui la legge eventualmente condiziona la loro legittimazione a stipulare quel genere di contratto, e simili. Se il legislatore vieta, in determinate circostanze, di stipulare il contratto e, nondimeno, il contratto viene stipulato, e' la sua stessa esistenza a porsi in contrasto con la norma imperativa; e non par dubbio che ne discenda la nullita' dell'atto per ragioni - se cosi' puo' dirsi - ancor piu' radicali di quelle dipendenti dalla contrarieta' a norma imperativa del contenuto dell'atto medesimo" (Cass., Sez. Un., n. 26724/2007).
La regola che impone l'individuazione del contraente sulla base di una graduatoria formulata all'esito della procedura concorsuale nel rispetto dei criteri imposti dalla legge e dal bando, seppure non direttamente attinente al contenuto delle obbligazioni contrattuali, si riflette necessariamente, per quanto sopra detto, sulla validita' del negozio, perche' individua un requisito che deve imprescindibilmente sussistere in capo al contraente, di tal che', ove si consentisse lo svolgimento del rapporto con soggetto privo del requisito in parola, si finirebbe per porre nel nulla la norma inderogabile, posta a tutela di interessi pubblici alla cui realizzazione, secondo il Costituente, deve essere costantemente orientata l'azione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici.
9.5. A fronte di detti plurimi argomenti, testuali e sistematici, si deve ritenere infondata la tesi, qui sostenuta dal ricorrente, che riconduce il vizio all'annullabilita' e non alla nullita' e che fa leva sul tenore letterale del Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articolo 63, comma 2, seconda parte, secondo cui le sentenze con le quali il giudice riconosce "il diritto all'assunzione, ovvero accerta che l'assunzione e' avvenuta in violazione di norme sostanziali o procedurali, hanno anche effetto rispettivamente costitutivo o estintivo del rapporto di lavoro".
L'articolo 63, comma 2, prima parte, prevede, in via generale, il potere del giudice ordinario di adottare tutti i provvedimenti richiesti dalla natura dei diritti tutelati e tale principio non e' certamente derogato, ma soltanto esplicitato, dalla seconda parte di esso, sicche', per quanto la norma sembri evocare un effetto costitutivo della pronuncia, come tale incompatibile con la natura dichiarativa dell'accertamento della nullita', tuttavia e' proprio l'automatica derivazione della "estinzione" dall'accertamento della violazione delle norme inerenti l'assunzione che finisce per smentire la riconducibilita' del vizio all'azione di annullamento, confermando che appunto di nullita' si tratta, perche' solo quest'ultima puo' operare d'ufficio e per il solo fatto dell'accertata violazione della norma inderogabile, richiedendo l'annullamento per errore ulteriori presupposti (la domanda della parte legittimata e, soprattutto, la riconoscibilita' dell'errore), dai quali, invece, il legislatore ha voluto prescindere nel prevedere un'automatica incidenza della pronuncia sulle sorti del rapporto. Si deve, poi, aggiungere che la disposizione, per il suo carattere generale, si riferisce a tutte le assunzioni, anche a quelle per le quali il Decreto Legislativo n. 165 del 2001 o le norme speciali prevedono nullita' testuali, sicche' della stessa deve essere fornita un'interpretazione che la renda coerente con i principi generali richiamati nei punti che precedono.
9.6. Correttamente, pertanto, la Corte territoriale ha ritenuto affetto da nullita' il contratto di lavoro stipulato con il ricorrente, atteso che il mancato rispetto della quota di riserva incide sulla legittimita' della graduatoria formata all'esito della procedura concorsuale al pari delle disposizioni che attengono alla valutazione dei candidati, perche' induce quale effetto l'individuazione di un "vincitore" che tale non poteva essere, essendo il posto allo stesso assegnato destinato ad essere ricoperto da un riservatario.
9.7. La sentenza impugnata non merita censura anche nella parte in cui ha escluso che il diritto del ricorrente ad essere mantenuto in servizio potesse fondarsi sulla condotta tenuta dal Consorzio nell'arco temporale 2008/2014, giacche' valgono al riguardo le considerazioni gia' espresse sull'inderogabilita' del Decreto Legislativo n. 165 del 2001, articolo 35 e sulle conseguenze della sua violazione.
10. Da tanto consegue che il ricorso deve essere respinto.
11. Al rigetto del ricorso consegue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimita', liquidate come da dispositivo.
12. La circostanza che il ricorrente risulti ammesso a beneficiare del gratuito patrocinio (delibera del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Messina dell'11/7/2018) lo esonera, allo stato, dal versamento dell'ulteriore somma dovuta ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1 quater a titolo di contributo unificato (cfr. Cass. 25 novembre 2014, n. 25005 e Cass. 2 settembre 2014, n. 18523).
P.Q.M.
La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento, in favore del controricorrente, delle spese del giudizio di legittimita' che liquida in Euro 200,00 per esborsi ed Euro 4.500,00 per compensi professionali oltre accessori di legge e rimborso forfetario in misura del 15%.
Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater da' atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del cit. articolo 13, comma 1-bis.
archiviato sotto:
« dicembre 2019 »
dicembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman