Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / Archivio News / Anno 2020 / Ottobre / 23/10/2020 - Piccoli comuni in crisi sugli aumenti ai sindaci

23/10/2020 - Piccoli comuni in crisi sugli aumenti ai sindaci

tratto da Italia Oggi del 23.10.2020
Piccoli comuni in crisi sugli aumenti ai sindaci
di Matteo Barbero

Piccoli comuni in crisi sull'aumento delle indennità ai sindaci. Le incertezze riguardano l'obbligo di confinanziamento della spesa da parte dei singoli enti. Tutto nasce dall'art. 57-quater, comma 1, dl 26 ottobre 2019, n. 124, (convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157) che ha inserito un comma 8 bis all'interno dell'art. 82 Tuel, in forza del quale «la misura dell'indennità di funzione di cui al presente articolo spettante ai sindaci dei comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti è incrementata fino all'85% della misura dell'indennità spettante ai sindaci dei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti.
Sul tema la giurisprudenza contabile (cfr Sezione Regionale di controllo della Corte dei conti per la Lombardia, deliberazione n. 67/2020) ha chiarito che l'incremento non opera ex lege ma richiede l'espressione di una scelta decisionale rimessa all'ente, rispetto al tetto massimo fissato dal legislatore. Lo stesso parere contiene un passaggio che sta creando non pochi grattacapi: secondo al Corte, la novella in commento, se da un lato valorizza l'autonomia degli enti, consentendo flessibilità nella modulazione dell'aumento, dall'altro, nell'implicare, per la sua attuazione, un cofinanziamento da parte dell'ente locale, pare supporre necessariamente, da parte dello stesso ente, all'atto della determinazione del quantum dell'incremento, una complessiva valutazione sulla misura dell'aumento, entro il limite di legge, che risulti compatibile con la propria situazione finanziaria nel singolo caso concreto. Da tale affermazione sembra evincersi il divieto di incrementare l'indennità solo nella misura del contributo statale, essendo necessario che ciascun ente ci metta anche dei soldi suoi. Il che pare un problema per le tante amministrazioni nelle quali i sindaci finora non hanno percepito nulla e che si troverebbero adesso costrette, per concedere il meritato aumento, a intervenire con il proprio bilancio. Non è nemmeno chiaro se l'obbligo di cofinanziamento comporti necessariamente la corresponsione dell'aumento nella misura massima prevista dalla legge, il che pare peraltro in contrasto con il chiaro dettato normativo. In ogni caso, il nuovo emolumento, pertanto, potrà essere corrisposto a partire dalla data di esecutività dell'atto deliberativo. Ovviamente, per chi deciderà di soprassedere, scatterà l'obbligo di riversare (sul Capo XIV - capitolo 3560 «entrate eventuali diverse del Ministero dell'interno» - art. 03 «recuperi, restituzioni e rimborsi vari») l'importo del contributo non utilizzato nell'esercizio finanziario. La Corte dei conti ha anche chiarito che il ritocco all'insù previsto per i sindaci non produce effetto su assessori e consiglieri, anche se l'indennità di questi ultimi è quantificata in proporzione all'emolumento dei sindaci (Dm 119/2000).
« novembre 2020 »
novembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman