1 Febbraio 2024

Archivio

05/02/2024 – Il decreto di rinvio a giudizio rileva ai fini dell’esclusione discrezionale a condizione che sia relativo a condotte tenute nell’esecuzione di precedenti contratti di appalto (e va dichiarato).

Nel respingere il ricorso avverso l’esclusione, il Tar Puglia prima stabilisce che il decreto di rinvio a giudizio rileva ai

05/02/2024 – Il decreto di rinvio a giudizio rileva ai fini dell’esclusione discrezionale a condizione che sia relativo a condotte tenute nell’esecuzione di precedenti contratti di appalto (e va dichiarato). Leggi l'articolo »

Archivio

05/02/2024 – Per il Consiglio di Stato l’obbligo di garantire quote di occupazione giovanile e femminile, nell’ambito di appalti PNRR, è in capo a chi presenta l’offerta e non al prestatore d’opera.

Gli obblighi di riservare quote occupazionali pari al 30% del totale a giovani e donne nell’ambito di appalti PNRR attengono gli operatori che presentano

05/02/2024 – Per il Consiglio di Stato l’obbligo di garantire quote di occupazione giovanile e femminile, nell’ambito di appalti PNRR, è in capo a chi presenta l’offerta e non al prestatore d’opera. Leggi l'articolo »

Archivio

15/02/2024 – Aggiornamento chiarimenti operativi sulla rendicontazione dei contributi agli investimenti (manutenzione straordinaria strade) di cui all’articolo 1, comma 407, legge 234/2021 (annualità 2022-2023)

Aggiornamento chiarimenti operativi sulla rendicontazione dei  contributi agli investimenti (manutenzione straordinaria strade) di cui all’articolo 1, comma 407, legge 234/2021

15/02/2024 – Aggiornamento chiarimenti operativi sulla rendicontazione dei contributi agli investimenti (manutenzione straordinaria strade) di cui all’articolo 1, comma 407, legge 234/2021 (annualità 2022-2023) Leggi l'articolo »

Archivio

02/02/2024 – L’operatore con i requisiti in categoria prevalente per il totale dei lavori e che abbia indicato il subappalto per le lavorazioni a qualificazione obbligatoria non può essere escluso per non aver indicato che il subappalto era da intendersi

Tar Lazio, Roma, Sez. IV, 24/01/2024, n. 1405 La ricorrente deduce l’illegittimità del provvedimento di esclusione, basato sulla mancata indicazione,

02/02/2024 – L’operatore con i requisiti in categoria prevalente per il totale dei lavori e che abbia indicato il subappalto per le lavorazioni a qualificazione obbligatoria non può essere escluso per non aver indicato che il subappalto era da intendersi Leggi l'articolo »

Torna in alto