Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 15/11/2019 - Autonomie, del. n. 24 – Diritti di rogito

15/11/2019 - Autonomie, del. n. 24 – Diritti di rogito

tratto da self-entilocali.it
Autonomie, del. n. 24 – Diritti di rogito
Pubblicato il 14 novembre 2019

I magistrati contabili della sezione delle Autonomie, con la deliberazione 24/2019, pubblicata sul sito il 23 ottobre, hanno dichiarato inammissibile la questione di massima sollevata dalla Sezione Regionale di Controllo per la Liguria con la deliberazione 74/2019.
I magistrati contabili della Liguria avevano rimesso al Presidente della Corte dei Conti la questione di massima relativa a se le somme destinate al pagamento dei diritti di rogito dei segretari comunali debbano o meno essere determinate al lordo di tutti gli oneri accessori connessi all’erogazione, compresi anche quelli a carico degli enti (IRAP, contributi fiscali e previdenziali in particolare), oppure se gli oneri fiscali e contributivi connessi al pagamento dell’emolumento debbano essere ripartiti tra ente e segretario comunale.
I magistrati contabili hanno ribadito che l’ambito di intervento della Corte dei conti è “limitato alla materia della contabilità pubblica, che non può investire qualsiasi attività degli enti che abbiano comunque riflessi di natura finanziaria-patrimoniale, in quanto ciò rischierebbe di vanificare il limite imposto dal legislatore, ma comporterebbe l’estensione dell’attività consultiva delle Sezioni regionali a tutti i vari ambiti dell’azione amministrativa con l’ulteriore conseguenza che le Sezioni regionali di controllo della Corte dei Conti diventerebbero organi di consulenza generale degli enti locali” (Corte dei Conti, Sez. Aut., del. 5/2006) e che “la richiesta di parere sia ammissibile quando attiene a questioni di competenza tipica della Corte dei Conti, apparendo riduttivo ed insufficiente il mero criterio dell’eventuale riflesso finanziario di un atto sul bilancio” (Corte dei Conti, Sez. Aut., del. 3/2014).
La questione di massima sottoposta all’attenzione dei magistrati contabili,  attiene al diritto tributario, che deve essere posto in altra sede.
La questione, non presentando i caratteri di specializzazione funzionale che caratterizzano la sede della Sezione Autonomie della Corte dei Conti, potrà essere invece suscettibile di valutazione da parte della Procura della stessa Corte o di altri organi giudiziari, al fine di evitare che i pareri forniti dai magistrati contabili possano prefigurare soluzioni non conciliabili con successive pronunce dei competenti organi della giurisdizione, in quanto la funzione consultiva della Corte dei Conti non può in alcun modo interferire e né sovrapporsi a quella degli organi giudiziari.
Pertanto,  la questione di massima è inammissibile.
archiviato sotto:
« dicembre 2019 »
dicembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman