Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 12/06/2019 - Principio di rotazione: una previsione paradossale fonte di mille contenziosi

12/06/2019 - Principio di rotazione: una previsione paradossale fonte di mille contenziosi

segnaliamo un articolo da lagazzettadeglientilocali.it

Principio di rotazione: una previsione paradossale fonte di mille contenziosi

L. Oliveri (La Gazzetta degli Enti Locali 12/6/2019)
Se c’è una previsione contenuta nel codice dei contratti pubblici fonte di mille complicazioni e di interpretazioni del tutto opposte in dottrina e giurisprudenza è lo sciagurato principio di rotazione, affermato dall’articolo 36.
Eppure, nonostante sforzi e proclami per modificare il codice dei contratti allo scopo di semplificarlo e “sbloccare i cantieri”, questa assurda previsione non ha formato oggetto di nessuna attenzione e meno che mai di intenti abolitori.
La rotazione è, ormai, divenuto un cruccio, un enigma inestricabile anche per chi, ANAC e giurisprudenza, dovrebbe fornire indicazioni chiare ed univoche.
Il vizio sta nella genesi della norma. Il principio di rotazione non è previsto in nessuna delle direttive europee dalle quali trae fonte il d.lgs 50/2016. E’, quindi, una creazione di diritto interno, che avrebbe anche un senso, se la norma fosse stata scritta in modo corretto e se le Linee Guida l’avessero sviluppate coerentemente col proprio significato.
Il guaio discende, dunque, dall’articolo 36, comma 1, del d.lgs 50/2016: “L'affidamento e l'esecuzione di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie di cui all'articolo 35 avvengono nel rispetto dei principi di cui agli articoli 30, comma 1, 34 e 42, nonché del rispetto del principio di rotazione degli inviti e degli affidamenti e in modo da assicurare l'effettiva possibilità di partecipazione delle microimprese, piccole e medie imprese. Le stazioni appaltanti possono, altresì, applicare le disposizioni di cui all'articolo 50”.
Purtroppo, la definizione del principio è estremamente laconica. La frase che lo pone e regola è brevissima, sincopata e quindi esposta a chiavi di lettura tali da poterla espandere in ogni senso, o restringerla o, comunque, deviarla dal significato che appare.
archiviato sotto:
« settembre 2019 »
settembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman